Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Eventi

NeapoliS-ICD Summit – New Horizons in Sudden Cardiac Death Prevention

Sto caricando la mappa ....

Data/Ora: 16 Novembre 2018 / 8:30 - 18:00
Indirizzo: Via Partenope, 38/44 - Napoli Italia
Sede: Napoli - Hotel Royal Continental


La morte cardiaca improvvisa rappresenta una delle sfide più sentite in ambito cardiologico e dal punto di vista terapeutico l’utilizzo del defibrillatore impiantabile sottocutaneo ha permesso un notevole miglioramento della sopravvivenza dei pazienti ad elevato rischio aritmico riducendo tutte le complicanze connesse alla tecnologia del defibrillatore transvenoso.

La prima edizione del NeapoliS-ICD summit ha come scopo il confronto tra gli specialisti cardiologi aritmologi e i professionisti che condividono la gestione del paziente cardiopatico con l’obiettivo di fare il punto della situazione sulla incidenza della morte cardiaca improvvisa e sul ruolo che può ricoprire l’S-ICD nel trattamento della patologia.

Durante le varie sessioni, esperti a confronto discuteranno di grandi temi quali le terapie disponibili per il trattamento della morte cardiaca improvvisa, l’utilizzo dell’ S-ICD nelle diverse cardiopatie, le indicazioni all’impianto in relazione alle specifiche caratteristiche dei pazienti quali ad esempio quelli giovani e sportivi e la ‘Best practice’ relativa all’impianto dell’ S-ICD.

Il programma (PDF: 674 Kb)

Ultimi articoli

L’AIAC su Il Sole 24 Ore

Scarica il redazionale dell'AIAC, dal titolo  “Accesso all’innovazione in aritmologia, nuove tecnologie e nuovi farmaci al servizio del paziente”, pubblicato su Il Sole 24 Ore – Scenari “Guida Salute“.

Leggi

Il processo decisionale nella gestione degli ICD nel fine vita

Uno studio degli aspetti relativi alla gestione degli ICD nelle fasi terminali delle malattie e degli eventuali fattori associati all'occorrere di un colloquio con il medico circa il fine vita.

Leggi

Disattivazione dei CIED nel fine vita: realtà o solo raccomandazioni?

La maggior parte dei CIED rimane attiva nelle fasi terminali della malattia e il 25% dei pazienti sperimenta uno shock nelle 24 ore prima del decesso.

Leggi