Caso clinico di tachicardia atriale con macrorientro doppio loop

Storia clinica

  • Paziente di 74 anni.
  • Pregressa tiroidectomia per tireotossicosi da adenoma iperfunzionante.
  • Nota fibrillazione atriale parossistica in terapia con Flecainide 100 mg/die ed ASA 100 mg.
  • Aprile 2021: accesso in PS per dispnea ingravescente associata a sporadico cardiopalmo.
Figura 1. ECG: Flutter atriale 2:1; onda F positiva in V1-V4; bifasica nelle derivazioni inferiori.

Ecocardiogramma: Ventricolo sinistro dilatato, FE 30%; insufficienza mitralica moderata; insufficienza tricuspidalica lieve con pressioni polmonari ai limiti superiori; dilatazione biatriale.

Ecocardiogramma trans-esofageo: negativo.

Studio elettrofisiologico: ripristino di ritmo sinusale durante il posizionamento dell’elettrocatetere in seno coronarico; non più inducibili aritmie sopraventricolari.

Dimesso in terapia con Bisoprololo 2.5 mg/die, Dabigatran 110 mg x 2 e Furosemide 50 mg/die.

Giugno 2021: nuovo accesso in pronto soccorso per cardiopalmo ritmico insorto da 2 giorni.

Figura 2. ECG: flutter atriale a conduzione variabile (morfologia F analoga al tracciato di Aprile).

Ecocardiogramma: VS non dilatato, FE 45% per lieve ipocinesia diffusa, dilatazione biatriale; insufficienza mitralica lieve-moderata; sezioni destre nei limiti.

Studio elettrofisiologico

Posizionati:

  • elettrocatetere decapolare deflettibile in seno coronarico (CS)
  • elettrocatetere quadripolare curva Cournard in sede hisiana.
Figura 3. In basale: tachicardia atriale, ciclo 270 msec; attivazione da CS prossimo-distale.

 

Figura 4. Entrainment da CS 9,10: PPI (post-pacing interval) – TCL (tachycardia cycle length) pari a 14 msec; attivazione CS identica in corso di tachicardia.

 

Figura 5. Mappa di attivazione in corso di tachicardia: estesa area di bassi voltaggi e potenziali lunghi e frammentati (fino a 90 msec) a livello della parete anteriore dell’atrio.

 

Figura 6. Mappa di attivazione in corso di tachicardia.

Mappa di attivazione in corso di tachicardia: attivazione antioraria peri-mitralica e oraria del tetto e del setto interatriale; breve tratto di rallentamento della conduzione a livello della parete anteriore (sede di con potenziali lunghi e frammentati (fino a 90 msec); sulla parete anteriore linea di blocco funzionale in continuità con l’istmo identificato.

Figura 7. Ablazione: multiple erogazioni di RF (30 W, T cutoff 41°) a livello dell’istmo anteriore; interruzione dell’aritmia in corso di RF.

 

Figura 8. Ablazione: multiple erogazioni di RF (30 W, T cutoff 41°) a livello dell’istmo anteriore; interruzione dell’aritmia in corso di RF.

 

Conclusione: tachicardia atriale da macrorientro a doppio loop con istmo critico a livello della parete anteriore atriale sinistra.

A cura dell’Area Educational e Competence dell’AIAC.

Ultimi articoli

AIAC saluta il dottor Ezio Soldati

AIAC piange la morte di Ezio Soldati, spentosi il 9 aprile 2024 all’età di 67 anni. Alla famiglia e ai colleghi della Cardiologia 2 dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana giungano i più vivi sentimenti di cordoglio da parte del Direttivo nazionale AIAC.

Leggi

Quattro FAD AIAC disponibili online dal 15 aprile

Dopo il successo delle edizioni precedenti AIAC ha deciso di rendere disponibili le riedizioni delle seguenti 4  FAD asincrone…

Leggi

Apixaban per la prevenzione dello stroke nella fibrillazione atriale subclinica: lo studio ARTESIA

Recentemente pubblicati sul NEJM i risultati dello studio ARTESIA, trial clinico sul beneficio della terapia anticoagulante orale nei pazienti con fibrillazione atriale subclinica di breve durata e asintomatica per la prevenzione dello stroke.

Leggi