Protocollo operativo per un corretto controllo dell’ICD

Scarica la versione pdf

  • Verifica dei parametri antibradicardici e antitachicardici programmati
  • Registrazione di ECG e/o EGM
  • Verifica dello stato di carica della batteria e del tempo di carica dei condensatori
  • SENSING: verifica della presenza di ritmo spontaneo atriale e ventricolare e misurazione dei segnali endocavitari atriali e ventricolari, mediante programmazione temporanea in VVI/DDI 30 bpm – verifica della stabilità del trend dei valori misurati
  • SOGLIA DI PACING: misurazione delle soglie di stimolazione atriale e ventricolari (con test manuali e/o automatici) – verifica della stabilità del trend dei valori misurati
  • Controllo delle impedenze degli elettrocateteri – verifica della stabilità del trend dei valori misurati
  • Controllo delle impedenze di shock – verifica della stabilità del trend dei valori misurati
  • Verifica delle percentuali di stimolazione atriale e ventricolare destra ed eventualmente sinistra (AS/AP – VS/VP/CRT) e della percentuale di stimolazione guidata da un sensore (funzione R – rate responsive)
  • Lettura degli episodi tachiaritmici nella memoria, con particolare attenzione al tipo di aritmia e ad eventuali terapie efficaci/inefficaci, appropriate/inappropriate

 

Eventuale modifica dei parametri programmati:

  • Conferma/modifica delle zone e delle durate di riconoscimento/trattamento antitachicardico
  • Conferma/modifica della modalità e dei settaggi delle terapie antitachicardiche
    • ATP: numero tentativi, burst/ramp, frequenza dei cicli, numero dei cicli
    • Shock: energia, direzione e verso del vettore di shock
  • Ottimizzazione delle energie di stimolazione (in voltaggio e durata dello stimolo atriale e ventricolare destro e sinistro) in base alle soglie di stimolazione misurate
  • Eventuale attivazione degli algoritmi di autosoglia atriale e ventricolare (destra e sinistra)
  • Ottimizzazione della sensibilità A e V in base ai segnali misurati
  • Eventuale attivazione degli algoritmi di autosensing A e V
  • Eventuale attivazione di algoritmi per favorire il ritmo ventricolare spontaneo
  • Eventuale attivazione di algoritmi per favorire la stimolazione biventricolare/ventricolare sinistra (nei device per CRT)
  • Controllo finale dei parametri programmati

 

A cura dell’Area Educational e Competence dell’AIAC.

 

Ultimi articoli

Nuovo appuntamento con l’Angolo dell’Editoria

Giovedì 30 giugno 2022 alle ore 18.00 è previsto un nuovo appuntamento con l’Angolo dell’Editoria: ad essere presentato, il libro “Il blocco percutaneo del ganglio stellato a scopo antiaritmico. Una guida pratica” a cura di Simone Savastano.

Leggi

Verso AIAC 2022

Le novità del prossimo Congresso Nazionale dell’Associazione Il 18° Congresso Nazionale AIAC…

Leggi

Lesioni cerebrali rilevate dalla RMN e funzione cognitiva dopo ablazione di fibrillazione atriale: lo studio AXAFA-AFNET 5

Pubblicati su Circulation i risultati di un’analisi dello studio AXAFA-AFNET 5 che ha valutato la prevalenza di lesioni cerebrali ischemiche rilevate mediante RMN dopo una procedura di ablazione di fibrillazione atriale parossistica eseguita senza interrompere l’anticoagulante orale.

Leggi