Protocollo operativo per un corretto controllo dell’ICD

Scarica la versione pdf

  • Verifica dei parametri antibradicardici e antitachicardici programmati
  • Registrazione di ECG e/o EGM
  • Verifica dello stato di carica della batteria e del tempo di carica dei condensatori
  • SENSING: verifica della presenza di ritmo spontaneo atriale e ventricolare e misurazione dei segnali endocavitari atriali e ventricolari, mediante programmazione temporanea in VVI/DDI 30 bpm – verifica della stabilità del trend dei valori misurati
  • SOGLIA DI PACING: misurazione delle soglie di stimolazione atriale e ventricolari (con test manuali e/o automatici) – verifica della stabilità del trend dei valori misurati
  • Controllo delle impedenze degli elettrocateteri – verifica della stabilità del trend dei valori misurati
  • Controllo delle impedenze di shock – verifica della stabilità del trend dei valori misurati
  • Verifica delle percentuali di stimolazione atriale e ventricolare destra ed eventualmente sinistra (AS/AP – VS/VP/CRT) e della percentuale di stimolazione guidata da un sensore (funzione R – rate responsive)
  • Lettura degli episodi tachiaritmici nella memoria, con particolare attenzione al tipo di aritmia e ad eventuali terapie efficaci/inefficaci, appropriate/inappropriate

 

Eventuale modifica dei parametri programmati:

  • Conferma/modifica delle zone e delle durate di riconoscimento/trattamento antitachicardico
  • Conferma/modifica della modalità e dei settaggi delle terapie antitachicardiche
    • ATP: numero tentativi, burst/ramp, frequenza dei cicli, numero dei cicli
    • Shock: energia, direzione e verso del vettore di shock
  • Ottimizzazione delle energie di stimolazione (in voltaggio e durata dello stimolo atriale e ventricolare destro e sinistro) in base alle soglie di stimolazione misurate
  • Eventuale attivazione degli algoritmi di autosoglia atriale e ventricolare (destra e sinistra)
  • Ottimizzazione della sensibilità A e V in base ai segnali misurati
  • Eventuale attivazione degli algoritmi di autosensing A e V
  • Eventuale attivazione di algoritmi per favorire il ritmo ventricolare spontaneo
  • Eventuale attivazione di algoritmi per favorire la stimolazione biventricolare/ventricolare sinistra (nei device per CRT)
  • Controllo finale dei parametri programmati

 

A cura dell’Area Educational e Competence dell’AIAC.

 

Ultimi articoli

Quali sono i bisogni formativi dei soci AIAC? Rispondi al questionario

Al fine di rispondere sempre al meglio alle richieste formative dei soci, AIAC propone un questionario per indagare i fabbisogni formativi per l’anno 2022.

Leggi

RI-AIAC: obiettivi, novità e implicazioni cliniche dei risultati dello studio

Pubblicati sul Journal of Personalized Medicine i risultati del RI-AIAC, registro multicentrico, prospettico osservazionale sulle infezioni dei CIED. Abbiamo chiesto al Professor Giuseppe Boriani, direttore di AIAC Ricerca, qual è l'importanza di questo registro promosso dall'AIAC e quali sono le implicazioni cliniche dei suoi risultati.

Leggi

Defibrillatore indossabile: evidenze, esperienze e nuove potenzialità d’uso

Terapia ormai consolidata negli Stati Uniti e in molti paesi Europei, il defibrillatore indossabile (WCD)…

Leggi