Newsletter n. 127 – gennaio 2024

Newsletter n. 127 – gennaio 2024

Elezioni Executive Board e Nominating Committee 2024-2026 dell’EHRA | Un nuovo articolo della sezione AIAC per i pazienti sulle terapie innovative nello scompenso cardiaco | Head up tilt test: il protocollo Fast e il suo impatto sulla pratica clinica | La nuova survey AIAC: digitalizzazione e telemedicina in aritmologia | Hands On Monitoraggio remoto – Progetto di formazione AIAC per infermieri e tecnici sul controllo “in office” e controllo/formazione monitoraggio remoto dei dispositivi impiantabili 2024 | Meet the expert – Atrial fibrillation: state of the art – La nuova FAD asincrona AIAC | Tilt test potenziato con nitroglicerina abbreviato: il protocollo italiano Fast | Prognosi a lungo termine dei pazienti con pattern di Brugada tipo 1 farmaco-indotto | Significato prognostico della frequenza cardiaca notturna rilevata dal monitoraggio remoto nei pazienti con scompenso cardiaco portatori di defibrillatore

Ultimi articoli

Blocco percutaneo del ganglio stellato per il trattamento dello storm aritmico: lo studio STAR

Lo storm aritmico è un'emergenza clinica con scarse opzioni terapeutiche. Lo studio STAR (STellate ganglion block for Arrhythmic stoRm), è un importante studio multicentrico italiano, i cui risultati sono stati recentemente pubblicati sull’European Journal of Cardiology, sulla sicurezza e l’efficacia del blocco percutaneo del ganglio stellato nel trattamento dello storm aritmico.

Leggi

Apixaban per la prevenzione dello stroke nella fibrillazione atriale subclinica: lo studio ARTESIA

Recentemente pubblicati sul NEJM i risultati dello studio ARTESIA, trial clinico sul beneficio della terapia anticoagulante orale nei pazienti con fibrillazione atriale subclinica di breve durata e asintomatica per la prevenzione dello stroke.

Leggi

Ablazione della fibrillazione atriale parossistica: elettroporazione, radiofrequenza e crioenergia a confronto

L’elettroporazione (PFA) per la cura delle aritmie è recentemente emersa come nuova tecnica ablativa in grado di colpire selettivamente il tessuto cardiaco senza utilizzare una energia “termica”. Nell'articolo recentemente pubblicato di Della Rocca et al. è stata studiata una popolazione real-world di pazienti con fibrillazione atriale ed eseguita una analisi “propensity-score-matched” confrontando PFA, radiofrequenza e crioenergia.

Leggi