Notizie e commenti

Terapie innovative nello scompenso cardiaco: la modulazione della contrattilità cardiaca

Cos’è lo scompenso cardiaco?

Lo scompenso cardiaco è dovuto ad un'anomalia strutturale e/o funzionale del cuore che determina un deterioramento della funzione del muscolo cardiaco tale da renderlo incapace a soddisfare in maniera adeguata le esigenze dell’organismo.
La sintomatologia più comune consiste in affanno o dispnea, ridotta tolleranza allo sforzo, affaticamento, stanchezza, palpitazioni o battito irregolare, gonfiore alle caviglie ed alle gambe, difficoltà a dormire con un solo cuscino. Naturalmente, se la malattia progredisce, questi sintomi e segni si possono rendere sempre più evidenti e frequenti.
Lo scompenso cardiaco rappresenta la prima causa di ricovero in ospedale negli ultrasessantacinquenni. In Italia sono circa 600.000 persone con questa patologia e si stima che la sua prevalenza raddoppi a ogni decade di età (dopo i 65 anni arriva al 10% circa), ma è probabile che la reale prevalenza sia più alta.
Purtroppo, lo scompenso cardiaco è una patologia sempre più frequente anche a causa dell’aumento dell’età e dell’aumento della sopravvivenza, per il miglioramento del trattamento dell’infarto del miocardico e delle malattie croniche come l’ipertensione arteriosa ed il diabete, ed è un problema di salute pubblica di enorme rilievo.

 

 

A cura della Task force AIAC per i pazienti

Chairmen: Giovanni Bisignani, Ospedale di Castrovillari (CS)

Co-Chairmen: Domenico Potenza, Ospedale Casa Sollievo della Sofferenza, San Giovanni Rotondo (FG)
Membri: Gianluca ComerciGiuliano D’AlterioAndrea Madeo

 

Ultimi articoli

Blocco percutaneo del ganglio stellato per il trattamento dello storm aritmico: lo studio STAR

Lo storm aritmico è un'emergenza clinica con scarse opzioni terapeutiche. Lo studio STAR (STellate ganglion block for Arrhythmic stoRm), è un importante studio multicentrico italiano, i cui risultati sono stati recentemente pubblicati sull’European Journal of Cardiology, sulla sicurezza e l’efficacia del blocco percutaneo del ganglio stellato nel trattamento dello storm aritmico.

Leggi

Apixaban per la prevenzione dello stroke nella fibrillazione atriale subclinica: lo studio ARTESIA

Recentemente pubblicati sul NEJM i risultati dello studio ARTESIA, trial clinico sul beneficio della terapia anticoagulante orale nei pazienti con fibrillazione atriale subclinica di breve durata e asintomatica per la prevenzione dello stroke.

Leggi

Ablazione della fibrillazione atriale parossistica: elettroporazione, radiofrequenza e crioenergia a confronto

L’elettroporazione (PFA) per la cura delle aritmie è recentemente emersa come nuova tecnica ablativa in grado di colpire selettivamente il tessuto cardiaco senza utilizzare una energia “termica”. Nell'articolo recentemente pubblicato di Della Rocca et al. è stata studiata una popolazione real-world di pazienti con fibrillazione atriale ed eseguita una analisi “propensity-score-matched” confrontando PFA, radiofrequenza e crioenergia.

Leggi