Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

EP

Crioablazione della fibrillazione atriale: i vantaggi del nuovo catetere POLARx FIT

Antonio De Simone (Clinica San Michele, Maddaloni) illustra il valore aggiunto rappresentato dalle caratteristiche del nuovo catetere POLARx FIT soprattutto nelle anatomie complesse, anche in ragione del minor rischio di determinate complicanze. Tra performance sovrapponibili a POLARx e confronto con l'elettroporazione, Antonio De Simone si sofferma infine sul possibile futuro della crioablazione nel trattamento della fibrillazione atriale.

Leggi

FARAPULSE: le differenze con le altre tecnologie single-shot

Una sorgente energetica nuova per l'isolamento delle vene polmonari nell'ablazione della fibrillazione atriale: Saverio Iacopino (Maria Cecilia Hospital, Cotignola) ripercorre per noi le peculiarità di FARAPULSE rispetto alle altre tecnologie single-shot e i miglioramenti dell'efficienza procedurale che questa tecnologia ha consentito di ottenere nella sua pratica clinica.

Leggi

Confronto tra elettroporazione ed energia termica: i risultati dello studio ADVENT

Abbiamo intervistato Claudio Tondo (Centro Cardiologico Monzino, Milano) sui risultati dello studio ADVENT, unico randomizzato a confrontare FARAPULSE con l’energia termica, e affrontato il ruolo della tecnologia FARAPULSE nel trattamento delle forme più avanzate di aritmia atriale. L'integrazione con il mappaggio tridimensionale consentirà inoltre di navigare nelle camere cardiache con maggior sicurezza, riducendo drasticamente l'esposizione fluoroscopica.

Leggi

Alta densità nel trattamento delle aritmie tra principali vantaggi e nuovi scenari clinici

In questa videointervista Francesco Solimene (Responsabile del Laboratorio di Elettrofisiologia, Clinica Montevergine, Mercogliano) illustra i principali vantaggi dell’utilizzo dell’alta densità nel trattamento delle aritmie, soprattutto quelle complesse. Nelle tachicardie ventricolari, dove il circuito è complesso, tecnologie come Rhythmia e Lumipoint sono anzi indispensabili. L'impedenza locale ha inoltre aperto nuovi scenari clinici: dalla conoscenza di come si forma una lesione alla individuazione dell'accoppiamento elettrico per predire una lesione efficace.

Leggi