Interviste HeartLogic

L’associazione temporale tra fibrillazione atriale e indice HeartLogic

In occasione del Meeting 2019 dell'European Heart Rhythm Association, tenutosi a Lisbona dal 29 al 31 marzo, Alessandro Capucci descrive i risultati della sua sotto-analisi dello studio MultiSENSE sull'associazione temporale tra fibrillazione atriale e stato dello scompenso valutato tramite HeartLogic.

Leggi

HeartLogic, le prime esperienze a livello italiano

Antonio D'Onofrio

Antonio D'Onofrio, responsabile dell'UOSD di Elettrofisiologia, Studio e Terapia delle Aritmie dell'Ospedale Monaldi di Napoli, commenta i risultati di un'analisi italiana relativa all'impiego di HeartLogic nella pratica clinica.

Leggi

L’indice HeartLogic nella pratica clinica

Santini_HL

Luca Santini, cardiologo dell'Ospedale Giovan Battista Grassi di Ostia (Roma), commenta i primi dati disponibili relativi all'utilizzo dell'algoritmo Heart Logic nella pratica clinica e descrive l'esperienza del suo centro. 

Leggi

Predire lo scompenso con HeartLogic. Lo studio MultiSENSE

Capucci_HL

All’AHA 2016 lo studio MultiSENSE (Multisensor ChronicEvaluation in Ambulatory Heart Failure Patients) è stato presentato come una novità assoluta nel campo della diagnosi precoce dello scompenso cardiaco. MultiSENSE ha testato la capacità predittiva di un sistema avanzato multisensore di alert – HeartLogic – applicato a defibrillatori cardiaci impiantabili. Attraverso dei sensori il sistema raccoglie le misurazioni di cinque parametri fisiologici: il terzo tono cardiaco, l'impedenza toracica, la frequenza cardiaca, la frequenza respiratoria e l’attività fisica del paziente. La misura composita dei parametri fisiologici garantisce una migliore stratificazione del rischio, una maggiore sensibilità diagnostica e una riduzione dei falsi positivi nel riconoscimento precoce di eventi di scompenso cardiaco.

Leggi

Ultimi articoli

L’AIAC su Il Sole 24 Ore

Scarica il redazionale dell'AIAC, dal titolo  “Accesso all’innovazione in aritmologia, nuove tecnologie e nuovi farmaci al servizio del paziente”, pubblicato su Il Sole 24 Ore – Scenari “Guida Salute“.

Leggi

Il processo decisionale nella gestione degli ICD nel fine vita

Uno studio degli aspetti relativi alla gestione degli ICD nelle fasi terminali delle malattie e degli eventuali fattori associati all'occorrere di un colloquio con il medico circa il fine vita.

Leggi

Disattivazione dei CIED nel fine vita: realtà o solo raccomandazioni?

La maggior parte dei CIED rimane attiva nelle fasi terminali della malattia e il 25% dei pazienti sperimenta uno shock nelle 24 ore prima del decesso.

Leggi