Notizie e commenti

AIAC & FRIENDS: quadri clinici valutati da due punti di vista. La nuova FAD AIAC

Mentre da un lato si assiste ad una tendenza all’iperspecializzazione nella formazione del medico specialista, e soprattutto del cardiologo, dall’altra le evidenze moderne stanno rendendo evidente come il paziente che si presenta alla nostra attenzione è sempre più “eterogeneo” e svariate comorbidità si sommano spesso in un unico quadro clinico, confondendo le acque.

Pertanto, risulta spesso necessario un approccio olistico, in cui l’aritmologo è costretto ad avvalersi dell’aiuto di “amici fidati” quali pneumologi, infettivologi, oncologi e internisti, con competenze in grado di completare le esigenze del singolo paziente. La gestione di alcune problematiche, quali le complicanze aritmiche di patologie pneumologiche, reumatiche ed oncologiche, diventa quindi un discorso di squadra, nella quale ogni membro è in grado di contribuire in modo diverso e complementare.

AIAC ha organizzato una nuova FAD che si articolerà in una serie di incontri programmati per il 22 novembre, il 25 novembre e il 2 dicembre alle 17.00 in cui passeranno in rassegna una serie di patologie che necessitano di un approccio condiviso, mettendo in luce la visione dello stesso quadro clinico da due prospettive diverse: quella dell’aritmologo e quella dello specialista che, di volta in volta, si confronteranno su una patologia di comune riscontro.

La partecipazione alla FAD è gratuita e darà diritto a 9 crediti formativi ECM.

 Per il programma e la modalità di partecipazione clicca qui

 

Ultimi articoli

Il supporto cardiopolmonare durante l’ablazione della TV emodinamicamente instabile: ruolo dell’inducibilità

Pubblicati recentemente sulla rivista Frontiers in Cardiovascular Medicine i risultati di un’esperienza italiana sull’utilizzo del supporto cardiopolmonare con ossigenazione extracorporea a membrana (ECMO) durante l'ablazione transcatetere di tachicardie ventricolari sostenute (TV).

Leggi

Ruolo prognostico dell’edema miocardico evidenziato in fase acuta dalla risonanza magnetica cardiaca in pazienti sopravvissuti ad un arresto cardiaco extra-ospedaliero: uno studio multicentrico

Sul Journal of the American Heart Association sono stati pubblicati i risultati di una ricerca, promossa dall’Area Giovani per la Ricerca dell’AIAC, che ha coinvolto 9 centri italiani con l’obiettivo di valutare quale fosse il ruolo dell’edema miocardico alla RMC nel predire le recidive aritmiche durante il follow-up.

Leggi

Ablazione della fibrillazione atriale con alta potenza e breve durata: caratterizzazione biofisica delle lesioni

Pubblicato su Pacing and Clinical Electrophysiology uno studio che aveva l’obiettivo di chiarire il contributo della forza di contatto e della temperatura e la loro interrelazione nel creare una lesione adeguata con un catetere per ablazione vHPSD (very high-power short-duration).

Leggi