Notizie e commenti

Casi clinici in & out: aritmie analizzate dall’elettrocardiogramma e dai segnali endocavitari – La nuova FAD AIAC

L’elettrocardiogramma di superficie e il tracciato endocavitario rappresentano due aspetti complementari e fondanti dell’elettrofisiologia moderna, entrambi finestre sulla fisiopatologia della conduzione cardiaca e dei disturbi aritmici.

Mentre da un lato l’elettrocardiografia di superficie continua ad essere il pilastro fondamentale di una corretta diagnosi e riveste tuttora importanza fondamentale in cardiologia come in medicina d’urgenza e intensiva, dall’altro la conoscenza dello studio endocavitario rimane ad oggi prerogativa pressoché esclusiva dell’elettrofisiologo, quando in realtà entrambe le metodiche coesistono nella stessa tipologia di pazienti per portare ad una diagnosi ed una terapia efficace.

AIAC ha organizzato una nuova FAD che si articolerà in 3 incontri previsti per il 7, il 14 e il 21 ottobre dalle 17:00 alle 19:00, allo scopo di confrontare, mediante l’utilizzo sia di metodiche tradizionali che innovative, ciò che la patologia presenta contemporaneamente sul versante “esterno” dell’ECG a 12 derivazioni e sul versante “interno” dello studio endocavitario. Due relatori si occuperanno di sviluppare in maniera armonica entrambi gli aspetti partendo da una serie di casi clinici visti, per l’appunto da dentro e da fuori.

La partecipazione alla FAD è gratuita e dà diritto a 9 crediti formativi ECM.

Per il programma e le istruzioni per l’iscrizione clicca qui.

 

Ultimi articoli

Nuovo appuntamento con l’Angolo dell’Editoria

Giovedì 30 giugno 2022 alle ore 18.00 è previsto un nuovo appuntamento con l’Angolo dell’Editoria: ad essere presentato, il libro “Il blocco percutaneo del ganglio stellato a scopo antiaritmico. Una guida pratica” a cura di Simone Savastano.

Leggi

Verso AIAC 2022

Le novità del prossimo Congresso Nazionale dell’Associazione Il 18° Congresso Nazionale AIAC…

Leggi

Lesioni cerebrali rilevate dalla RMN e funzione cognitiva dopo ablazione di fibrillazione atriale: lo studio AXAFA-AFNET 5

Pubblicati su Circulation i risultati di un’analisi dello studio AXAFA-AFNET 5 che ha valutato la prevalenza di lesioni cerebrali ischemiche rilevate mediante RMN dopo una procedura di ablazione di fibrillazione atriale parossistica eseguita senza interrompere l’anticoagulante orale.

Leggi