Notizie e commenti

Crioablazione, efficace anche senza imaging delle vene

crioablazione imaging

La procedura di isolamento delle vene polmonari mediante crioablazione è fattibile anche senza effettuare un precedente studio di imaging dell’anatomia vasi. Sono stati pubblicati su Journal of Interventional Cardiac Electrophysiology i risultati di una ricerca italiana condotta nell’ambito del progetto 1STOP che ha valutato gli effetti associati all’impiego o meno di un esame di imaging prima della procedura (1).

Sono stati coinvolti 912 pazienti sottoposti a procedura di isolamento delle vene polmonari mediante crioablazione come trattamento per una Fibrillazione Atriale parossistica. Di questi, 461 (50,5%) sono stati sottoposti prima della crioablazione a una tomografia computerizzata o a una risonanza magnetica mentre i restanti 451 (49,5%) non sono stati sottoposti a esami di imaging pre-intervento.

La durata della procedura, della fluoroscopia e dello stazionamento nell’atrio sinistro sono risultati significativamente più corti nel gruppo di pazienti non sottoposti a precedente esame di imaging (p < 0,001). La probabilità di incorrere in complicanze è invece risultata più elevata nel gruppo sottoposto a imaging (6,9% vs 2,7%; p = 0,003) a causa della diversa incidenza di una paralisi diaframmatica transitoria. Non sono emerse differenze significative, infine, in termini di libertà da recidive della Fibrillazione Atriale a 12 mesi dalla procedura di crioablazione, riscontrata nel 76% e nell’80% dei pazienti sottoposti e non sottoposti a un test di imaging, rispettivamente (p = 0,390).

Bibliografia
1. Sagone A, Iacopino S, Pieragnoli P, et al. Cryoballoon ablation of atrial fibrillation is effectively feasible without previous imaging of pulmonary vein anatomy: insights from the 1STOP project. J Interv Card Electrophysiol 2019; 55(3): 267-275.

Ultimi articoli

Le tachiaritmie sopraventricolari in età pediatrica e nel cardiopatico congenito adulto

Dal 1° marzo al 31 dicembre 2024 sarà possibile seguire la nuova FAD asincrona AIAC “Le tachiaritmie sopraventricolari in età pediatrica e nel cardiopatico congenito adulto”. Dalle nozioni di base (ECG, fisiopatologia, diagnostica) alle aritmie specifiche e particolari del bambino-adolescente, l’evento formativo è rivolto a 200 utenti.

Leggi

Club AIAC: il terzo appuntamento sarà lunedì 26 febbraio

Nuovo appuntamento per il Club AIAC lunedì 26 febbraio dalle ore 17.00 alle ore 19.00. A presentare questo terzo appuntamento webinar saranno Carlo Lavalle (AIAC Consiglio Direttivo Nazionale, Vice Presidente) e Pier Luigi Pellegrino (AIAC Consiglio Direttivo Nazionale, Consigliere – Coordinatore Aree e Task Force).

Leggi