Notizie e commenti

Crioablazione, sicura ed efficace anche nei pazienti obesi

crioablazione obesi

Anche nei pazienti obesi l’isolamento delle vene polmonari mediante crioablazione risulta essere una procedura sicura ed efficace. È quanto emerge dai risultati di un’analisi italiana condotta nell’ambito del progetto 1STOP, pubblicati su Pacing and Clinical Electrophysiology (PACE), i quali mostrano come un’indice di massa corporea (BMI) elevato non si associ a outcome peggiori (1).

Sono stati inclusi nell’analisi 2.048 pazienti consecutivi con fibrillazione atriale sottoposti a procedura di l’isolamento delle vene polmonari mediante crioablazione, i quali sono stati suddivisi in tre coorti sulla base del BMI: soggetti con peso normale (BMI < 25 kg/m2; n = 693, 34%), sovrappeso (BMI = 25-30 kg/m2; n = 944, 46%) e obesi (BMI > 30 kg/m2; n = 411, 20%). Dai risultati è emerso che i pazienti sovrappeso e obesi erano più spesso affetti da fibrillazione atriale persistente, ipertensione , diabete e sono risultati associati a un CHA2DS2-VASc score più elevato e a un numero maggiore di trattamenti anti-aritmici falliti. Non sono emerse differenze tra i tre gruppi, invece, in termini di complicanze peri-procedurali e percentuale di pazienti liberida recidive della fibrillazione atriale a 12 mesi, risultata pari al 76,4% nella coorte di soggetti con peso normale, al 79,2% in quella dei soggetti sovrappeso e al 73,5% in quella dei soggetti obesi (p = 0,35). Un dato questo confermato anche dai risultati di un’analisi multivariata, i quali hanno messo in evidenza come il BMI non costituisca un predittore delle recidive nei pazienti sottoposti a procedura di l’isolamento delle vene polmonari mediante crioablazione.

“I nostri dati mostrano, per la prima volta e differentemente da quanto riportato utilizzando la radiofrequenza, che non vi è una ridotta efficacia della procedura con l’aumento dell’indice di massa corporea”, afferma Daniele Malaspina dell’ASST Santi Paolo e Carlo di Milano. “Questo nonostante nei pazienti con BMI elevato vi fosse un maggior numero di persistenti. Conseguentemente è ragionevole ipotizzare che l’uso della crioablazione possa essere preferibile nei pazienti obesi”.

Bibliografia

1. Malaspina D, Brasca F, Iacopino S, et al. Cryoablation for Pulmonary Veins Isolation in Obese Patients with Atrial Fibrillation Compared to Non-Obese Patients. PACE 2020; in press.

Ultimi articoli

Nuovo appuntamento con l’Angolo dell’Editoria

Giovedì 30 giugno 2022 alle ore 18.00 è previsto un nuovo appuntamento con l’Angolo dell’Editoria: ad essere presentato, il libro “Il blocco percutaneo del ganglio stellato a scopo antiaritmico. Una guida pratica” a cura di Simone Savastano.

Leggi

Verso AIAC 2022

Le novità del prossimo Congresso Nazionale dell’Associazione Il 18° Congresso Nazionale AIAC…

Leggi

Lesioni cerebrali rilevate dalla RMN e funzione cognitiva dopo ablazione di fibrillazione atriale: lo studio AXAFA-AFNET 5

Pubblicati su Circulation i risultati di un’analisi dello studio AXAFA-AFNET 5 che ha valutato la prevalenza di lesioni cerebrali ischemiche rilevate mediante RMN dopo una procedura di ablazione di fibrillazione atriale parossistica eseguita senza interrompere l’anticoagulante orale.

Leggi