Notizie e commenti

Isolamento delle vene polmonari, PVAC e PVAC-GOLD a confronto

isolamento delle vene polmonari

La procedura di ablazione della Fibrillazione Atriale è sicura ed efficacia, sia se effettuata con catetere multielettrodo phase RF/duty cycled (PhRF/DC) di prima generazione (PVAC) che di seconda (PVAC-GOLD). Sono stati pubblicati sul Journal of Interventional Cardiology and Electrophysiology i risultati dell’analisi 1STOP relativa ai pazienti trattati con sistemi PhRF/DC Medtronic presso cinque centri cardiologici italiani (1).

Diversi trial clinici hanno dimostrato che l’isolamento delle vene polmonari è una procedura efficace per il trattamento della Fibrillazione Atriale parossistica (2,3). Da un punto di vista tecnologico, sia i cateteri sistemi PhRF/DC di prima generazione che quelli di seconda hanno ottenuto buoni risultati in casistiche relative a centri singoli o multipli (4,5). Per quanto riguarda l’analisi pubblicata sul Journal of Interventional Cardiology and Electrophysiology, sono stati raccolti i dati relativi a 84 pazienti con Fibrillazione Atriale parossistica trattati con PVAC e 64 trattati con PVAC-GOLD presso cinque centri cardiologici italiani nel contesto del progetto 1STOP, al fine di valutare eventuali differenze tra i due approcci in termini di sicurezza ed efficacia. Dai risultati è emerso che la durata della fluoroscopia e della procedura in generale sono minori nel caso di PVAC-GOLD rispetto a PVAC (22,8 ± 12,7 vs. 31,6 ± 18,9 minuti, p = 0,002; 117,6 ± 36,0 vs. 147,4 ± 40,6 minuti, p = 0,001). Complicanze periprocedurali sono state registrate solo in due pazienti su 148, mentre 58 soggetti cono andati incontro a una recidiva della Fibrillazione Atriale al follow up di 20,9 ± 12,0 mesi. Non sono emerse differenze significative tra i due gruppi in termini di libertà da recidive (64,1 ± 10% nel gruppo PVAC e 68,2 ± 9% nel gruppo PVAC-GOLD).

Bibliografia

1. Rovaris G, De Filippo P, Laurenzi F, et al. Clinical outcomes of AF patients treated with the first and second-generation of circular mapping and ablation catheter: insights from a real world multicenter experience. J Interv Card Electrophysiol 2020; (3): 245-251.
2. Cappato R, Calkins H, Chen SA, et al. Worldwide survey on the methods, efficacy and safety of catheter ablation for human atrial fibrillation. Circulation 2005; 111: 1100–5.
3. Kirchhof P, Benussi S, Kotecha D, et al. ESC guidelines for the management of atrial fibrillation developed in collaboration with EACTS. Eur Heart J. 2016; https://doi.org/10.1093/eurheartj/ehw210.
4. De Greef Y, Buysschaert I, Schwagten B, et al. Duty-cycled multi-electrode radiofrequency vs. conventional irrigated point-by-point radiofrequency ablation for recurrent atrial fibrillation, comparative 3-year data. Europace 2014; 16(6): 820–5.
5. Gal P, Aarntzen AE, Smit JJ, et al. Conventional radiofrequency catheter ablation compared to multi-electrode ablation for atrial fibrillation. Int J Cardiol. 2014; 176(3): 891–5.

Ultimi articoli

Dal 17° Congresso AIAC il commento di Antonio D’Onofrio

La prima giornata del 17° Congresso Nazionale dell’AIAC si è conclusa ieri. Abbiamo raccolto il commento a caldo di…

Leggi

L’AIAC saluta il Professor Attilio Maseri

Il 3 settembre ci ha lasciati il Professor Attilio Maseri, un gigante della cardiologia mondiale. Il saluto dell’AIAC e di tutta la comunità aritmologica italiana.

Leggi

Correlazione tra sede anatomica di impianto dell’elettrocatetere e parametri elettrici nella stimolazione hisiana

Sul Journal of Electrocardiology è stato recentemente pubblicato uno studio sulla correlazione tra sede anatomica di impianto dell’elettrocatetere per la stimolazione hisiana e differenze nei parametri elettrici ottenuti in acuto.

Leggi