Notizie e commenti

Quattro generazioni di criopallone a confronto

criopallone generazione

L’introduzione del criopallone di quarta generazione ha permesso di ridurre la durata delle procedure di isolamento delle vene polmonari mediante crioablazione, pur continuando a garantire un tasso ridotto di complicanze. È quanto emerge da un’analisi, i cui risultati sono stati pubblicati sul Journal of Cardiovascular Electrophysiology, che ha valutato gli outcome  procedurali acuti associati a quattro diverse generazioni di criopalloni (1).

La ricerca, condotta nell’ambito del progetto 1STOP, ha preso in considerazione 480 pazienti (27% di sesso femminile; età media: 60 ± 10) affetti da Fibrillazione Atriale e sottoposti a procedura di isolamento delle vene polmonari mediante ablazione con quattro diverse generazioni di criopallone. La coorte totale è stata suddivisa in quattro gruppi di 120 pazienti ciascuno in base alla generazione del catetere utilizzato per l’ablazione. Per ogni coorte sono stati analizzati i dati relativi agli ultimi 120 soggetti trattati, in modo da minimizzare gli effetti legati alla curva di apprendimento.

La durata della procedura, della fluoroscopia e dello stazionamento nell’atrio sinistro sono risultate significativamente minori nel gruppo trattato con criopallone di quarta generazione rispetto alle tre generazioni precedenti, mentre non sono emerse differenze significative tra i gruppi per quanto riguarda il tasso di successo acuto (superiore al 99% in tutti i gruppi). Anche la percentuale di complicanze acute, infine, è risultata simile nelle quattro coorti (0,8%), mentre la visualizzazione del time-to-isolation è risultata maggiore con le ultime generazioni di cateteri.

Bibliografia

1. Iacopino S, Pieragnoli P, Arena G, et al. A comparison of acute procedural outcomes within four generations of cryoballoon catheters utilized in the real‐world multicenter experience of 1STOP. J Cardiovasc Electrophysiol 2020; 31: 80 – 88.

Ultimi articoli

RI-AIAC: obiettivi, novità e implicazioni cliniche dei risultati dello studio

Pubblicati sul Journal of Personalized Medicine i risultati del RI-AIAC, registro multicentrico, prospettico osservazionale sulle infezioni dei CIED. Abbiamo chiesto al Professor Giuseppe Boriani, direttore di AIAC Ricerca, qual è l'importanza di questo registro promosso dall'AIAC e quali sono le implicazioni cliniche dei suoi risultati.

Leggi

Defibrillatore indossabile: evidenze, esperienze e nuove potenzialità d’uso

Terapia ormai consolidata negli Stati Uniti e in molti paesi Europei, il defibrillatore indossabile (WCD)…

Leggi

Rischio di morte non improvvisa nei pazienti portatori di ICD: sottoanalisi del registro OBSERVO-ICD

Pubblicati i risultati di un'analisi che ha valutato l’accuratezza e l’utilità dello score MAGGIC (Meta-Analysis Global Group in Chronic Heart Failure) nei pazienti con scompenso cardiaco e ridotta frazione di eiezione sottoposti ad impianto di ICD.

Leggi