Notizie e commenti

Quattro generazioni di criopallone a confronto

criopallone generazione

L’introduzione del criopallone di quarta generazione ha permesso di ridurre la durata delle procedure di isolamento delle vene polmonari mediante crioablazione, pur continuando a garantire un tasso ridotto di complicanze. È quanto emerge da un’analisi, i cui risultati sono stati pubblicati sul Journal of Cardiovascular Electrophysiology, che ha valutato gli outcome  procedurali acuti associati a quattro diverse generazioni di criopalloni (1).

La ricerca, condotta nell’ambito del progetto 1STOP, ha preso in considerazione 480 pazienti (27% di sesso femminile; età media: 60 ± 10) affetti da Fibrillazione Atriale e sottoposti a procedura di isolamento delle vene polmonari mediante ablazione con quattro diverse generazioni di criopallone. La coorte totale è stata suddivisa in quattro gruppi di 120 pazienti ciascuno in base alla generazione del catetere utilizzato per l’ablazione. Per ogni coorte sono stati analizzati i dati relativi agli ultimi 120 soggetti trattati, in modo da minimizzare gli effetti legati alla curva di apprendimento.

La durata della procedura, della fluoroscopia e dello stazionamento nell’atrio sinistro sono risultate significativamente minori nel gruppo trattato con criopallone di quarta generazione rispetto alle tre generazioni precedenti, mentre non sono emerse differenze significative tra i gruppi per quanto riguarda il tasso di successo acuto (superiore al 99% in tutti i gruppi). Anche la percentuale di complicanze acute, infine, è risultata simile nelle quattro coorti (0,8%), mentre la visualizzazione del time-to-isolation è risultata maggiore con le ultime generazioni di cateteri.

Bibliografia

1. Iacopino S, Pieragnoli P, Arena G, et al. A comparison of acute procedural outcomes within four generations of cryoballoon catheters utilized in the real‐world multicenter experience of 1STOP. J Cardiovasc Electrophysiol 2020; 31: 80 – 88.

Ultimi articoli

L’AIAC saluta Alfredo Di Pino

L’8 luglio ci ha lasciato Alfredo Di Pino. Una enorme perdita per la comunità AIAC e per la Cardiologia Pediatrica Siciliana alla quale è venuto a mancare un grande professionista che con grande serietà e perseveranza è riuscito a diventare negli anni un punto di riferimento.

Leggi

Evoluzione temporale delle lesioni realizzate con l’elettroporazione: risultati di un modello animale

Pubblicati su Circulation: Arrhythmia and Electrophysiology i risultati di uno studio che ha avuto lo scopo di comprendere la progressione e l’impatto acuto dell’ablazione a campo pulsato in un modello sperimentale.

Leggi

È il Professor Giuseppe Boriani il nuovo Direttore Editoriale AIAC

In occasione della prima riunione, il Consiglio Direttivo Nazionale dell’AIAC ha nominato il suo nuovo Direttore Editoriale nella persona del Prof. Giuseppe Boriani, autore di oltre 600 lavori scientifici pubblicati su prestigiose riviste internazionali in ambito cardio-aritmologico.

Leggi