Notizie e commenti

Tempo all’isolamento delle vene polmonari e rischio di recidive

Tempo isolamento vene polmonari

In circa due su tre pazienti sottoposti ad ablazione della Fibrillazione Atriale mediante criopallone non è possibile valutare in tutti i casi il tempo all’isolamento delle vene polmonari. Sono stati pubblicati sull’International Journal of Cardiology i risultati di un’analisi che ha coinvolto 30 centri cardiologici italiani del progetto 1STOP, i quali mostrano tuttavia che la possibilità o meno di documentare questo fattore per tutte le vene polmonari non impatta sugli outcome clinici a un anno di follow up (1).

Sono stati reclutati 1.042 pazienti consecutivi sottoposti ad ablazione della Fibrillazione Atriale mediante criopallone, tipicamente con catetere mappante interno. Per 391 di questi (Gruppo 1) è stato possibile valutare il tempo all’isolamento di tutte le vene polmonari, mentre nei restanti 651 pazienti (Gruppo 2) non è stato possibile registrare i potenziali e valutare il tempo all’isolamento in almeno una delle vene polmonari.

Le procedure relative ai soggetti del Gruppo 1  sono risultate in media più lunghe e caratterizzate da un tempo dedicato all’ablazione maggiore, mentre in riferimento a quelle del Gruppo 2 è stato osservata una durata maggiore della fluoroscopia. Tuttavia, dopo un follow up medio di 14 ± 11 mesi non sono emerse differenze tra i due gruppi in termini di recidive di tachiaritmie atriale sintomatiche, verificatesi nel 20% dei soggetti (20,2% dei pazienti del Gruppo 1 e nel 19,9% di quelli del Gruppo 2; p=0,25), e di complicanze, verificatesi in totale nel 5,2 % dei soggetti.

Bibliografia

1. Stabile G, Tondo C, Curnis A, et al. Efficacy of cryoballoon ablation in patients with paroxysmal atrial fibrillation without time to pulmonary vein isolation assessment. International Journal of Cardiology 2018; 272: 118-122

Ultimi articoli

Quali sono i bisogni formativi dei soci AIAC? Rispondi al questionario

Al fine di rispondere sempre al meglio alle richieste formative dei soci, AIAC propone un questionario per indagare i fabbisogni formativi per l’anno 2022.

Leggi

RI-AIAC: obiettivi, novità e implicazioni cliniche dei risultati dello studio

Pubblicati sul Journal of Personalized Medicine i risultati del RI-AIAC, registro multicentrico, prospettico osservazionale sulle infezioni dei CIED. Abbiamo chiesto al Professor Giuseppe Boriani, direttore di AIAC Ricerca, qual è l'importanza di questo registro promosso dall'AIAC e quali sono le implicazioni cliniche dei suoi risultati.

Leggi

Defibrillatore indossabile: evidenze, esperienze e nuove potenzialità d’uso

Terapia ormai consolidata negli Stati Uniti e in molti paesi Europei, il defibrillatore indossabile (WCD)…

Leggi