Notizie e commenti

COVID-19, la testimonianza degli Ospedali Riuniti di Ancona

A cura di Federico Guerra.

Gli Ospedali Riuniti di Ancona si sono trovati molto presto al centro dell’emergenza COVID-19, in parte a causa del loro status di ospedale regionale, in parte a causa della vicinanza con grossi focolai secondari come Rimini e Pesaro.

I primi tempi sono stati pieni di incertezza e con l’incertezza sono arrivati gli errori peggiori. La mancanza di regole d’ingaggio condivise e chiare a tutti, di percorsi dedicati per i potenziali infetti e di armi a disposizione del clinico per porre il fatidico “sospetto” hanno portato l’infezione ad estendersi tra il personale sanitario, soprattutto quello esposto in prima linea nel Pronto Soccorso e nei reparti di Urgenza. Per quanto riguarda la nostra Clinica di Cardiologia, da sempre attiva come consulenti di urgenza ed emergenza, siamo arrivati fino a un terzo del personale medico sottoposto a quarantena nel solo mese di Marzo 2020. Con il tempo è migliorata l’esperienza, la capacità di reazione e, soprattutto, la conoscenza di un nemico tanto invisibile quanto temibile. Sono arrivati i percorsi per i pazienti, i dispositivi di protezione individuali, le raccomandazioni dei colleghi infettivologi, rianimatori e pneumologi a renderci più sicuri in questo nuovo ambiente.

Al momento nel nostro Ospedale abbiamo passato i duecento pazienti ricoverati con polmonite da COVID-19, dei quali circa una trentina critici, sottoposti a ventilazione invasiva o ad ECMO. Tra loro ci sono colleghi, parenti e amici, il che rende la giornata quotidiana ancora più difficile. Le persone con cui si è trascorso notti di guardia assieme, con cui si è condiviso pazienti, scambiate competenze, offerti caffè e (perchè no) anche litigato furiosamente e fatto pace adesso sono in un letto di ospedale o attaccate a un ventilatore. Come esperienza non può essere descritta.

Altra indescrivibile esperienza è quella dei pazienti positivi che, spesso disidratati, febbricitanti e confusi si trovano confinati in un letto di ospedale per settimane, letteralmente isolati dal mondo all’interno di un casco per CPAP. Unico contatto umano: i goffi esseri coperti dalla testa ai piedi dai dispositivi di protezione (riconoscibili solo per il nome scritto col pennarello sul camice o sulla tuta monouso) che offrono loro aiuto, assistenza e conforto e che condividono con loro questo nuovo girone dantesco.

Attualmente gli Ospedali Riuniti hanno ben otto reparti COVID, di cui uno di accettazione/urgenza, quattro ad alta intensità, due a media e uno a bassa, responsabile tra l’altro della maggior parte delle dimissioni a domicilio o presso altre strutture sul territorio.

Per quanto riguarda l’attività specifica di elettrofisiologia e cardiostimolazione, abbiamo sospeso tutte le procedure differibili. L’ambulatorio pacemaker è rimasto attivo solo per i pazienti con device in fase di scarica o con problematiche legate al dispositivo o a eventi aritmici. La nostra sala ha rinviato a data da destinarsi tutte le procedure non urgenti, e rimane comunque attiva per i blocchi atrioventricolari totali, per gli impianti di ICD in pazienti a rischio aritmico e per le ablazioni di tachicardie ventricolari refrattarie alla terapia medica. Quest’ultime, così come gli storm aritmici, hanno dimostrato un trend in controtendenza rispetto alla cardiopatia ischemica e sono infatti aumentate di incidenza, probabilmente anche a causa di fattori psicologici e sociali.

Solo negli ultimi giorni i ricoveri sembrano essersi stabilizzati e con essi cresce la speranza di aver già visto il peggio di questa terribile emergenza. Sicuramente ne usciremo temprati, più uniti e pronti a ricominciare.

Ultimi articoli

Scadenze crediti ECM per il professionista sanitario

Di seguito si riporta un promemoria circa le scadenze in ambito ECM, che ogni professionista è tenuto ad osservare, per disposizioni nazionali.

Leggi

Il supporto cardiopolmonare durante l’ablazione della TV emodinamicamente instabile: ruolo dell’inducibilità

Pubblicati recentemente sulla rivista Frontiers in Cardiovascular Medicine i risultati di un’esperienza italiana sull’utilizzo del supporto cardiopolmonare con ossigenazione extracorporea a membrana (ECMO) durante l'ablazione transcatetere di tachicardie ventricolari sostenute (TV).

Leggi

Ruolo prognostico dell’edema miocardico evidenziato in fase acuta dalla risonanza magnetica cardiaca in pazienti sopravvissuti ad un arresto cardiaco extra-ospedaliero: uno studio multicentrico

Sul Journal of the American Heart Association sono stati pubblicati i risultati di una ricerca, promossa dall’Area Giovani per la Ricerca dell’AIAC, che ha coinvolto 9 centri italiani con l’obiettivo di valutare quale fosse il ruolo dell’edema miocardico alla RMC nel predire le recidive aritmiche durante il follow-up.

Leggi