Notizie e commenti

“Hands on Monitoraggio Remoto”. Il nuovo percorso di formazione a distanza di AIAC

A partire da ottobre 2020 l’AIAC ha attivato un percorso di formazione a distanza (FAD) sul controllo/monitoraggio remoto dei dispositivi cardiaci impiantabili destinato a infermieri, tecnici e medici.

Finalità del percorso di formazione
Formare il personale infermieristico, tecnico e medico alla gestione “in office” e da remoto (controllo/monitoraggio) dei dispositivi impiantabili e dei pazienti portatori di dispositivi: si focalizzerà in misura maggiore l’aspetto del “management” remoto dei devices e dei pazienti, avendo la prospettiva del “CIEDs Team” come delineato dal documento di consenso AIAC.

Il percorso di formazione avrà l’obiettivo di rendere progressivamente autonomo il personale operativo negli ambulatori di controllo/monitoraggio in relazione alla gestione dei pazienti e dei dispositivi, per migliorare la gestione del paziente.

A chi è rivolto il percorso di formazione
Agli infermieri, tecnici e medici che sono già impegnati e che intendano impegnarsi nella gestione “in office” e da remoto (controllo/monitoraggio) dei dispositivi impiantabili e dei pazienti portatori di dispositivi.

L’iscrizione al percorso formativo è aperta solo agli iscritti all’AIAC. Per i non iscritti all’AIAC sarà possibile partecipare al percorso formativo presentando domanda di iscrizione all’Associazione contestualmente alla domanda di iscrizione al percorso formativo. Per iscriverti all’AIAC clicca qui.

Come sarà articolato il percorso di formazione
Il corso si svilupperà da ottobre 2020 ad aprile 2021 e si articolerà in 20 incontri da remoto (FAD) della durata di circa 60 minuti ciascuno, che si svolgeranno di mercoledì dalle ore 17:00 alle ore 18:00. Tutti gli incontri verranno registrati e potranno essere rivisti dai partecipanti al corso.

Contenuti del percorso di formazione
Negli incontri da remoto si analizzeranno tematiche generali sulla modalità organizzativa dell’ambulatorio, sul ruolo di infermieri e tecnici, sui vari sistemi di monitoraggio.

Sarà utilizzata una metodologia “teorico-pratica”: verranno ricercati dei casi clinici, nei quali il controllo/monitoraggio remoto ha fornito informazioni utili sul paziente o ha evidenziato criticità o ha mostrato problemi nella programmazione del dispositivo, e la discussione sul caso clinico fornirà l’opportunità di analizzare le caratteristiche tecniche del dispositivo stesso, di fornire gli elementi per modulare la sua programmazione, di sottolineare le peculiarità della trasmissione da remoto.

Per il programma del percorso formativo e la modalità di iscrizione, clicca qui

Ultimi articoli

AIAC saluta il Professor Francesco Furlanello

È venuto a mancare ai suoi cari ed alla Comunità Cardiologica Italiana ed Internazionale il Prof. Francesco Furlanello. L’Associazione Italiana di Aritmologia e Cardiostimolazione perde una figura carismatica che tanto impulso ha dato alla realizzazione, promozione e divulgazione dell’Aritmologia.

Leggi

Prevenzione del carcinoma alla mammella nelle operatrici: la survey sulla radioprotezione di Donne&Aritmologia

In seguito all’osservazione di casi di carcinoma alla mammella sinistra in operatrici esposte alle radiazioni ionizzanti, il gruppo Donne&Aritmologia ha promosso una survey dedicata che sarà aperta fino al 31 gennaio.

Leggi

Estrazione di elettrocateri impiantati da >10 anni mediante utilizzo di sheaths meccaniche bidirezionali

Recentemente sono stati pubblicati sul Journal of Cardiovascular Electrophysiology i risultati di uno studio italiano multicentrico che ha avuto l’obiettivo di valutare la sicurezza e l’efficacia dell’estrazione degli elettrocateri con una durata di impianto di almeno 10 anni, utilizzando sheaths meccaniche bidirezionali.

Leggi