Notizie e commenti

Registro Italiano Ablazioni 2018. Il report

L’attività del Registro Italiano Ablazioni, partito nel 2017, è proseguita anche nel 2019. Abbiamo chiesto ai Centri Italiani di Elettrofisiologia di inviarci i dati relativi alle procedure di elettrofisiologia (studio elettrofisiologico endocavitario e ablazione transcatetere) effettuate nell’anno 2018.

Abbiamo ricevuto i dati di 94 dei 184 Centri italiani di Elettrofisiologia che eseguono ablazioni, raggiungendo quindi una copertura del 51%. Rispetto al 2016 ed al 2017 continua il trend di crescita del numero di centri che hanno aderito al Registro (figura 1).

Figura 1. Numero di centri che hanno partecipato al Registro Italiano Ablazioni nel 2016, 2017 e 2018.

Il numero totale di ablazioni è stato di 15714 pari, secondo le stime fornite dal mondo dell’industria, a circa il 54% di quelle totali. Il numero totale di studi elettrofisiologici registrati è stato di 5691. Il numero medio di ablazioni eseguite nel 2018 per centro è stato di 167. Parallelamente alla crescita del numero di centri che hanno aderito al Registro, continua rispetto al 2016 ed al 2017 il trend in crescita nel numero di ablazioni inserite nel Registro (figura 2).

Figura 2. Numero di ablazioni eseguite nel 2016, 2017, 2018 nei centri che hanno aderito al Registro.

Più frequentemente (44% del totale) gli studi elettrofisiologici endocavitari sono stati effettuati per la diagnosi di bradiaritmie. Nel 29% dei casi per la ricerca di aritmie ventricolari. Nel 20% dei venivano eseguiti per la diagnosi di tachicardie sopraventricolari (figura 3).

Figura 3. Distribuzione degli studi elettrofisiologici endocavitari in base al tipo di aritmia. SEE = studio elettrofisiologico endocavitario; SV = sopraventricolare; TV = tachicardia ventricolare.

Per quanto riguarda le ablazioni, quella più comune è stata quella effettuata per la fibrillazione atriale (31% del totale), seguita dalla tachicardia reciprocante nodale (20%) e dal flutter atriale (15%). Meno comuni sono le ablazioni transcatetere effettuate in pazienti con tachicardia reciprocante atrio-ventricolare (9%) e tachicardia atriale (5%) (figura 4). Da segnalare che l’8% del totale delle ablazioni è stato effettuato in pazienti con tachicardia ventricolare.

Figura 4. Distribuzione delle ablazioni in base al tipo di aritmia. FA = fibrillazione atriale, TRN = tachicardia da rientro nodale; FU = flutter atriale; TV= tachicardia ventricolare, TRAV = tachicardia da rientro atrio-ventricolare; TA = tachicardia atriale.

Un sentito ringraziamento a tutti i colleghi che hanno dedicato parte del loro tempo alla raccolta di tali dati.

Elenco dei Centri che hanno aderito al Registro Ablazioni 2018

Ultimi articoli

Neuromodulazione nella sincope vasovagale: risultati clinici e prospettive future

In occasione del Congresso PLACE (Roma, 13-15 giugno 2024) abbiamo intervistato Leonardo Calò sull’utilizzo della neuromodulazione nella sincope vasovagale: quali sono i pazienti che ne possono beneficiare, quali sono i risultati nel medio e nel lungo termine e dove si collocherà nel prossimo futuro la neuromodulazione nella gestione del paziente con sincope vasovagale.

Leggi

Vuoi essere il nuovo Ambasciatore Italiano per l’EHRA Young Electrophysiology?

Se hai meno di 40 anni, sei membro EHRA e hai una buona conoscenza della lingua inglese invia il tuo curriculum vitae a segreteria@aiac.it entro il 15 luglio 2024.

Leggi

Elezioni dei nuovi Consigli Direttivi Regionali

Il mandato dei Consigli Direttivi Regionali e Interregionali 2022-2024 volge al termine. Le elezioni per il loro rinnovo…

Leggi