Notizie e commenti

Sport e aritmie, dalle linee guida COCIS alla pratica clinica

Al XV Congresso nazionale dell’AIAC si è tenuto un simposio congiunto AIAC-SICsport (Società Italiana di Cardiologia dello Sport), centrato sulla relazione tra patologie cardiovascolari e attività sportiva e sui contenuti delle linee guida COCIS. Ce ne hanno parlato Alessandro Biffi, specialista in medicina e cardiologia dello sport e past-president della SICsport, e Fabrizio Drago, responsabile dell’Area di Aritmologia Pediatrica dell’AIAC.

“Oggi in Italia sempre più persona pratica attività fisica, a livello sia agonistico che ricreativo”, ha spiegato Biffi. Di conseguenza le problematiche associate all’attività fisica, specie in soggetti con patologie silenti, diventano un problema emergente. “Soprattutto dopo i 50-60 anni, fascia di età in cui c’è un incremento di persone che svolgono attività sportiva, anche estrema“.

E quindi necessario trovare un equilibrio tra benefici associati all’attività fisica e rischio cardiovascolare. Anche in ambito pediatrico, dove spesso si tende a sovrastimare i rischi. “Nel momento in cui un bambino mostra evidenze di cuore sano – spiega Drago – può tranquillamente avviarsi ad attività fisica, senza che il pediatra abbia un terrore dell’aspetto medico-legale“.

Ultimi articoli

Scadenze crediti ECM per il professionista sanitario

Di seguito si riporta un promemoria circa le scadenze in ambito ECM, che ogni professionista è tenuto ad osservare, per disposizioni nazionali.

Leggi

Il supporto cardiopolmonare durante l’ablazione della TV emodinamicamente instabile: ruolo dell’inducibilità

Pubblicati recentemente sulla rivista Frontiers in Cardiovascular Medicine i risultati di un’esperienza italiana sull’utilizzo del supporto cardiopolmonare con ossigenazione extracorporea a membrana (ECMO) durante l'ablazione transcatetere di tachicardie ventricolari sostenute (TV).

Leggi

Ruolo prognostico dell’edema miocardico evidenziato in fase acuta dalla risonanza magnetica cardiaca in pazienti sopravvissuti ad un arresto cardiaco extra-ospedaliero: uno studio multicentrico

Sul Journal of the American Heart Association sono stati pubblicati i risultati di una ricerca, promossa dall’Area Giovani per la Ricerca dell’AIAC, che ha coinvolto 9 centri italiani con l’obiettivo di valutare quale fosse il ruolo dell’edema miocardico alla RMC nel predire le recidive aritmiche durante il follow-up.

Leggi