Notizie e commenti

Ablazione della fibrillazione atriale parossistica: elettroporazione, radiofrequenza e crioenergia a confronto

Dalla letteratura

L’elettroporazione (PFA) per la cura delle aritmie è recentemente emersa come nuova tecnica ablativa in grado di colpire selettivamente il tessuto cardiaco senza utilizzare una energia “termica”. Il trial randomizzato ADVENT ha dimostrato la non inferiorità della PFA nei confronti di radiofrequenza (RF) e crioenergia (CRIO) in termini di efficacia e sicurezza.
Della Rocca et al. hanno studiato una popolazione real-world di pazienti con fibrillazione atriale e hanno eseguito una analisi “propensity-score-matched” confrontando PFA, RF e CRIO.

 

Lo studio

Sono stati inclusi 1572 pazienti con fibrillazione atriale parossistica che per la prima volta sono stati sottoposti all’isolamento elettrico delle vene polmonari. L’età media della popolazione era di 62.4 ± 11.3 anni; il 42.5% era di sesso femminile. L’analisi “propensity-score” ha generato i seguenti tre gruppi di studio: 174 pazienti trattati con PFA, 348 con RF e 348 con CRIO. L’isolamento elettrico delle vene polmonari “al primo passaggio” è stato ottenuto nell’81.5% dei casi quando veniva usata la PFA contro il 73.1% quando venivano usate RF e CRIO. I tempi procedurali sono risultati significativamente più brevi con la PFA rispetto all’energia termica. L’utilizzo dei sistemi di mappaggio elettroanatomico, al contrario, ha permesso di ridurre l’esposizione alle radiazioni ionizzanti con la RF. Il tasso di complicanze procedurali è stato del 3.4% con la PFA, 8.6% con la CRIO e 5.5% con la RF (p = 0.052).

La sopravvivenza libera da fibrillazione atriale a 1 anno è stata del 79.3% con la PFA, del 74.7% con la CRIO e del 72.4% con la RF (p del Log-Rank = 0.24). Tra i 145 pazienti che sono stati sottoposti a una seconda procedura ablativa si è assistito a una riconnessione elettrica delle vene polmonari nel 19.1% dei casi precedentemente trattati con PFA, del 27.5% con CRIO e del 34.8% con RF.

Gli autori concludono che la PFA ha contribuito a ridurre in maniera significativa i tempi procedurali, mantenendo la stessa percentuale di libertà da fibrillazione atriale a un anno rispetto a RF e CRIO, nonostante un minor tasso di riconnessione delle vene polmonari a distanza.

A cura di Elisa Ebrille, Ospedale Maria Vittoria – Martini, ASL Città di Torino, Torino

Bibliografia

Della Rocca DG, Marcon L, Magnocavallo M, et al. Pulsed electric field, cryoballoon, and radiofrequency for paroxysmal atrial fibrillation ablation: a propensity score-matched comparison. Europace 2024; 26:1-10. DOI: 10.1093/europace/euae016

Ultimi articoli

AIAC saluta il dottor Ezio Soldati

AIAC piange la morte di Ezio Soldati, spentosi il 9 aprile 2024 all’età di 67 anni. Alla famiglia e ai colleghi della Cardiologia 2 dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana giungano i più vivi sentimenti di cordoglio da parte del Direttivo nazionale AIAC.

Leggi

Quattro FAD AIAC disponibili online dal 15 aprile

Dopo il successo delle edizioni precedenti AIAC ha deciso di rendere disponibili le riedizioni delle seguenti 4  FAD asincrone…

Leggi

Apixaban per la prevenzione dello stroke nella fibrillazione atriale subclinica: lo studio ARTESIA

Recentemente pubblicati sul NEJM i risultati dello studio ARTESIA, trial clinico sul beneficio della terapia anticoagulante orale nei pazienti con fibrillazione atriale subclinica di breve durata e asintomatica per la prevenzione dello stroke.

Leggi