Notizie e commenti

Apple Watch riconosce la fibrillazione atriale

Dalla letteratura

Un sensore della frequenza cardiaca di Apple Watch, accoppiato a un algoritmo basato sull’intelligenza artificiale, è in grado di riconoscere le anomalie del ritmo tipiche della fibrillazione atriale. Il tutto con un’accuratezza del 97%. Lo ha dimostrato uno studio presentato all’Heart Rhythm’s 38th Annual Scientific Sessions.

Lo studio è stato condotto dalla University of California di San Francisco con la collaborazione della start up madrina di Cardiogram, una delle app associate ad Apple Watch. Sono stati arruolati 6158 utilizzatori di questa app, 200 dei quali avevano una diagnosi di fibrillazione atriale. Le differenze nelle misurazioni tra i due gruppi sono state usate per “allenare” il dispositivo a riconoscere i segni dell’aritmia e mettere a punto un algoritmo in grado di distinguere un episodio di fibrillazione atriale.

L’algoritmo risultante è stato testato su 51 pazienti  per 20 minuti prima e dopo la procedura di cardioversione alla quale dovevano essere sottoposti. Utilizzando il classico ECG a 12 derivazione come standard di riferimento, l’algoritmo ha identificato la fibrillazione con un’accuratezza del 97%.

Gregory  Marcus, della Division of Cardiology alla University of California di San Francisco, coordinatore dello studio, ha commentato che questi dispositivi indossabili rappresentano una nuova opportunità per monitorare, individuare e suggerire una terapia per la fibrillazione atriale senza nessuno sforzo da parte del paziente. Lo screening con tecnologia mobile non potrà mai rimpiazzare i metodi di monitoraggio convenzionali, ma offre la possibilità di fare un primo screening con successo e ridurre i casi di fibrillazione atriale non diagnosticata. E’ sottinteso che un’eventuale diagnosi avrà bisogno di una conferma con gli strumenti tradizionali.

Fonte
Artificial Intelligence Automatically Detects Atrial Fibrillation Using Apple Watch’s Heart Rate Sensor [press release]. Hrsonline.org 11 maggio 2017

Ultimi articoli

Il supporto cardiopolmonare durante l’ablazione della TV emodinamicamente instabile: ruolo dell’inducibilità

Pubblicati recentemente sulla rivista Frontiers in Cardiovascular Medicine i risultati di un’esperienza italiana sull’utilizzo del supporto cardiopolmonare con ossigenazione extracorporea a membrana (ECMO) durante l'ablazione transcatetere di tachicardie ventricolari sostenute (TV).

Leggi

Ruolo prognostico dell’edema miocardico evidenziato in fase acuta dalla risonanza magnetica cardiaca in pazienti sopravvissuti ad un arresto cardiaco extra-ospedaliero: uno studio multicentrico

Sul Journal of the American Heart Association sono stati pubblicati i risultati di una ricerca, promossa dall’Area Giovani per la Ricerca dell’AIAC, che ha coinvolto 9 centri italiani con l’obiettivo di valutare quale fosse il ruolo dell’edema miocardico alla RMC nel predire le recidive aritmiche durante il follow-up.

Leggi

Ablazione della fibrillazione atriale con alta potenza e breve durata: caratterizzazione biofisica delle lesioni

Pubblicato su Pacing and Clinical Electrophysiology uno studio che aveva l’obiettivo di chiarire il contributo della forza di contatto e della temperatura e la loro interrelazione nel creare una lesione adeguata con un catetere per ablazione vHPSD (very high-power short-duration).

Leggi