Notizie e commenti

Aritmie ventricolari, qual è la migliore strategia ablativa?

Dalla letteratura

I pazienti che presentano cardiopatie strutturali hanno un rischio maggiore di sviluppare una tachicardia ventricolare e di andare incontro a morte. L’ablazione transcatetere si presenta oggi come una procedura utile a controllare questo tipo di aritmie e a ottenere un miglioramento della qualità della vita. Tuttavia, non è ancora chiaro quale sia la strategia ablativa che permette di ottenere i risultati migliori. Una meta-analisi pubblicata sulla rivista Europace ha analizzato gli outcome a lungo termine associati alle diverse procedure disponibili: ablazione transcatetere standard vs. modifica del substrato e modifica del substrato completa vs. parziale.

Lo studio

Gli end point primari presi in considerazione dai ricercatori erano: un outcome composito di recidiva a lungo termine dell’aritmia ventricolare e morte per qualsiasi causa – e entrambi i due parametri presi singolarmente – in pazienti sottoposti ad ablazione transcatetere standard o a modifica del substrato; recidiva a lungo termine dell’aritmia ventricolare in pazienti sottoposti a modifica del substrato completa o parziale. Gli end point secondari erano invece costituiti tal tasso di complicanze maggiori e minori, dal tempo procedurale e da quello di esposizione alla radiofrequenza e all’imaging fluoroscopico. Sono stati individuati 13 articoli che rispondevano ai criteri di inclusione: 6 di questi sono stati inclusi al fine di operare un confronto tra le procedure di ablazione standard delle aritmie ventricolari e quelle di modifica del substrato, per un totale di 396 pazienti (età media: 63 ± 10 anni; 87% maschi) e un follow-up medio di 24 ± 15 mesi; i restanti 7 sono stati inclusi per permettere un confronto tra le procedure di modifica del substrato complete e parziali, per un totale di 391 pazienti considerati (età media: 64 ± 11 anni; 90% maschi) e un follow-up medio di 21 ± 5 mesi. Dai risultati della metanalisi è emerso che le ablazioni basate sul metodo della modifica del substrato si associano a una riduzione a lungo termine del rischio combinato di recidiva dell’aritmia ventricolare e mortalità per tutte le cause (RR 0,57; IC 95% 0,40 – 0,81). Non sono emerse differenze, invece, per quanto riguarda i due parametri presi singolarmente, nonostante un trend positivo in favore della modifica del substrato. Riguardo quest’ultima poi, è emersa una riduzione significativa delle recidive della tachicardia ventricolare nelle procedure complete rispetto a quelle parziali (RR 0,39; IC 95% 0,27 – 0,58). Non sono emerse differenze significative, invece, in relazione agli end point secondari.

Conclusioni

A un follow-up medio di 24 mesi il rischio combinato di recidiva dell’aritmia ventricolare e mortalità per tutte le cause è, per i pazienti con cardiopatie strutturali, significativamente minore (riduzione del 43%) nelle procedure di ablazione basate sulla modifica del substrato rispetto a quelle basate sull’approccio standard. Inoltre, le procedure complete di modifica del substrato si associano a un rischio minore (riduzione del 61%) di recidive dell’aritmia ventricolare rispetto a quelle parziali.

Bibliografia
Briceño DF, Romero J, Villablanca PA, et al. Long-termoutcomes of different ablation strategies for ventricular tachycardia in patients with structural heart disease: systematic review and meta-analysis. Europace 2018; 20: 104 – 115.

Ultimi articoli

AIAC saluta il dottor Ezio Soldati

AIAC piange la morte di Ezio Soldati, spentosi il 9 aprile 2024 all’età di 67 anni. Alla famiglia e ai colleghi della Cardiologia 2 dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana giungano i più vivi sentimenti di cordoglio da parte del Direttivo nazionale AIAC.

Leggi

Quattro FAD AIAC disponibili online dal 15 aprile

Dopo il successo delle edizioni precedenti AIAC ha deciso di rendere disponibili le riedizioni delle seguenti 4  FAD asincrone…

Leggi

Apixaban per la prevenzione dello stroke nella fibrillazione atriale subclinica: lo studio ARTESIA

Recentemente pubblicati sul NEJM i risultati dello studio ARTESIA, trial clinico sul beneficio della terapia anticoagulante orale nei pazienti con fibrillazione atriale subclinica di breve durata e asintomatica per la prevenzione dello stroke.

Leggi