Notizie e commenti

Centri sportivi, un defibrillatore può salvare molte vite

Dalla letteratura

La presenza di un defibrillatore automatico esterno (AED) nelle palestre e nei centri sportivi amatoriali riduce significativamente il rischio di morte cardiaca improvvisa. Da uno studio presentato all’ultimo Congresso annuale dell’European Society of Cardiology (ESC) è emerso che la probabilità di sopravvivere a un arresto cardiaco è pari al 93% nelle strutture dotate di questa strumentazione.

Lo studio

Casi di morte improvvisa di verificano più frequentemente nei centri sportivi, a causa dello stress a cui è sottoposto il cuore durante gli allenamenti. Per questo motivo è nato il Progetto Vita, uno studio finalizzato a indagare gli effetti legati alla presenza di defibrillatori AED in questi contesti. Sono stati monitorati tutti gli arresti cardiaci, valutando tasso di risposta, di rianimazione e di sopravvivenza, verificatisi nel corso di 18 anni in 252 i centri sportivi dell’area di Piacenza, divisi tra quelli dotati (n = 207; 82%) e non dotati (n = 45, 18%) di un AED. I casi di arresto cardiaco registrati sono stati 26, dei quali 15 (58%) verificatisi in strutture equipaggiate. La presenza di un AED è risultata associata a una riduzione da 7,3 a 3,3 minuti del tempo trascorso tra l’evento e il primo shock (P = 0.001). Il tasso di sopravvivenza (senza sequele neurologiche) è risultato del 93% nei soggetti il cui l’arresto cardiaco si era verificato in un centro con AED, rispetto al 9% emerso nei casi avvenuti in strutture non equipaggiate (p < 0.001). “Lo studio mostra chiaramente che la presenza di un AED è in grado di salvare delle vite”, ha commentato Diego Panela, cardiologo dell’Ospedale “Guglielmo da Saliceto” di Piacenza. “Su 15 soggetti, 14 sono sopravissuti e non hanno mostrato danni neurologici, mentre nei centri non provvisti di AED questo si è verificato solo in un caso su 11”.

Conclusione

“Una ridotta mortalità è risultata associata anche alla rapidità di intervento con AED”, ha aggiunto Daniela Aschieri, a capo del Progetto Vita. “La sopravvivenza è poi risultata aumentata nei casi in cui il dispositivo è stato utilizzato da una persona del pubblico, e quindi in tempi più brevi, rispetto a quelli in cui si è deciso di attendere il personale medico. La defibrillazione con un AED costituisce un intervento sicuro, anche quando è messa in atto da individui non addestrati”. Sulla base di questi risultati i responsabili del Progetto Vita consigliano a tutti i centri sportivi amatoriali di dotarsi di un AED e sottolineano l’importanza di sviluppare programmi educativi finalizzati ad aumentare la consapevolezza sulla morte cardiaca improvvisa e fornire nozioni di basi sull’utilizzo del dispositivo.

Fonte
Penela D, Aschieri D, Pelizzoni V, et al. P2529 Impact of automated external defibrillator background in amateur sportive centres: 18 years experience. European Heart Journal 2017; 38(1): https://doi.org/10.1093/eurheartj/ehx502.P2529

Ultimi articoli

Il Professor Roberto De Ponti è il nuovo Direttore di AIAC Ricerca

In occasione della riunione del Consiglio Direttivo Nazionale del 12 settembre scorso è stato nominato il nuovo Direttore di AIAC Ricerca per il prossimo quadriennio nella persona del Prof. Roberto De Ponti.

Leggi

Elisa Ebrille nominata EHRA Young Ambassador

Nella riunione del Consiglio Direttivo Nazionale del 12/09/22 il Consiglio ha nominato la Dott.ssa Elisa Ebrille (Ospedale Maria Vittoria, ASL Città di Torino, Torino) "EHRA Young Ambassador".

Leggi

Novità dal Congresso ESC 2022: le nuove linee guida sulle aritmie ventricolari e prevenzione della morte cardiaca improvvisa

Durante il recente Congresso ESC 2022 che si è tenuto a Barcellona lo scorso 26-29 agosto, sono state presentate le nuove linee guida ESC sulla gestione dei pazienti con aritmie ventricolari e sulla prevenzione della morte cardiaca improvvisa.

Leggi