Notizie e commenti

Complicanze legate all’impianto del pacemaker leadless: un ampio registro italiano  

Dalla letteratura

Diversi studi clinici hanno dimostrato la sicurezza e l’efficacia del pacemaker intracardiaco leadless (L-PM), tuttavia dati di confronto tra questa tecnologia ed il pacemaker transvenoso convenzionale (T-PM) raccolti in maniera prospettica sono ancora limitati.

Allo scopo di colmare questo vuoto della letteratura, un gruppo di ricercatori italiani ha condotto uno studio osservazionale, i cui risultati sono stati recentemente pubblicati su Europace, che aveva l’obiettivo di confrontare l’incidenza e la natura delle complicanze correlate al dispositivo in una popolazione di pazienti sottoposti ad impianto di L-PM con una coorte contemporanea di pazienti sottoposti ad impianto di T-PM.

Lo studio

Lo studio è stato un registro italiano prospettico, multicentrico, osservazionale che ha arruolato pazienti consecutivi sottoposti ad impianto L-PM o T-PM. L’incidenza e la natura delle complicanze correlate al dispositivo osservate nei due gruppi sono stati valutate e confrontate prospetticamente.

In totale sono stati arruolati 2669 pazienti: 665 sottoposti ad impianto di L-PM e 2004 sottoposti ad impianto di T-PM. I pazienti del gruppo L-PM erano mediamente più anziani ed avevano più comorbilità rispetto ai pazienti del gruppo T-PM. Il follow-up mediano è stato di 39 mesi. Il rischio di complicanze correlate al dispositivo a 12 mesi di follow-up era significativamente più basso nel gruppo L-PM rispetto al gruppo T-PM (0.5% vs. 1.9%; p=0.009, Figura 1).

Figura 1. Rischio cumulativo di complicanze correlate al device nei pazienti sottoposti ad impianto di pacemaker leadless (L-PM) e nei pazienti sottoposti ad impianto di pacemaker transvenoso (T-PM). Modificata da: Palmisano P, et al. Rate and nature of complications with leadless transcatheter pacemakers compared with transvenous pacemakers: results from an Italian multicentre large population analysis. Europace. 2022 Aug 29:euac112. doi: 10.1093/europace/euac112.

 

I due gruppi sono stati confrontati con il metodo propensity score che ha consentito di identificare due gruppi di 442 pazienti con caratteristiche basali simili. Nei due gruppi ottenuti con il propensity score, i pazienti del gruppo L-PM tendevano ad avere un rischio più basso di complicanze globali (p=0.129), un rischio simile di complicanze precoci (≤30 giorni) (p=1.000) ed un rischio significativamente inferiore di complicanze tardive (>30 giorni) (p=0.031). Tutte le complicanze osservate nel gruppo L-PM erano precoci (Figura 2).

Figura 2. Distribuzione temporale delle complicanze correlate al device osservate nei pazienti sottoposti ad impianto di pacemaker leadless (L-PM) e nei pazienti sottoposti ad impianto di pacemaker transvenoso (T-PM). Modificata da: Palmisano P, et al. Rate and nature of complications with leadless transcatheter pacemakers compared with transvenous pacemakers: results from an Italian multicentre large population analysis. Europace. 2022 Aug 29:euac112. doi: 10.1093/europace/euac112.

 

La maggior parte delle complicanze osservate nel gruppo T-PM (75.0%) erano correlate agli elettrocateteri o alla tasca.

In conclusione, i risultati di questo ampio registro italiano confermano il buon profilo di sicurezza del L-PM. Nello specifico in questo studio questo dispositivo era associato ad un più basso rischio di complicanze tardive (>30 giorni) rispetto al T-PM.

Bibliografia

Palmisano P, Facchin D, Ziacchi M, Nigro G, Nicosia A, Bongiorni MG, Tomasi L, Rossi A, De Filippo P, Sgarito G, Verlato R, Di Silvestro M, Iacopino S. Rate and nature of complications with leadless transcatheter pacemakers compared with transvenous pacemakers: results from an Italian multicentre large population analysis. Europace. 2022 Aug 29:euac112. doi: 10.1093/europace/euac112. Epub ahead of print.

Ultimi articoli

Neuromodulazione nella sincope vasovagale: risultati clinici e prospettive future

In occasione del Congresso PLACE (Roma, 13-15 giugno 2024) abbiamo intervistato Leonardo Calò sull’utilizzo della neuromodulazione nella sincope vasovagale: quali sono i pazienti che ne possono beneficiare, quali sono i risultati nel medio e nel lungo termine e dove si collocherà nel prossimo futuro la neuromodulazione nella gestione del paziente con sincope vasovagale.

Leggi

Vuoi essere il nuovo Ambasciatore Italiano per l’EHRA Young Electrophysiology?

Se hai meno di 40 anni, sei membro EHRA e hai una buona conoscenza della lingua inglese invia il tuo curriculum vitae a segreteria@aiac.it entro il 15 luglio 2024.

Leggi

Elezioni dei nuovi Consigli Direttivi Regionali

Il mandato dei Consigli Direttivi Regionali e Interregionali 2022-2024 volge al termine. Le elezioni per il loro rinnovo…

Leggi