Notizie e commenti

Efficacia degli algoritmi per la misura automatica della soglia nella stimolazione della branca sinistra

Dalla letteratura

Negli ultimi anni gli algoritmi per la misura automatica della soglia di stimolazione e l’adattamento dell’output hanno migliorato la sicurezza dei dispositivi cardiaci impiantabili (CIED) ed hanno contribuito a massimizzarne la longevità. Questi algoritmi sono stati validati per la stimolazione cardiaca convenzionale e non risultano adatti per la stimolazione del fascio di His. La stimolazione della branca sinistra (LBBAP) è una modalità di pacing in rapida espansione che consente di ottenere una stimolazione cardiaca fisiologica.

Recentemente sono stati pubblicati su Pacing and Clinical Electrophysiology i risultati dello studio LATECS, uno studio pilota italiano, monocentrico, prospettico, osservazionale che ha avuto lo scopo di valutare il funzionamento degli algoritmi per la misura automatica della soglia di stimolazione nei pazienti sottoposti ad impianto di CIED con LBBAP.

Lo studio

Lo studio ha arruolato una popolazione consecutiva di pazienti sottoposti ad impianto di CIED con LBBAP, dotati di algoritmi per la misura automatica della soglia di stimolazione. I pazienti sono stati valutati 3 mesi dopo l’impianto e sono state confrontate le soglie di stimolazione valutate manualmente con quelle ottenute mediante gli algoritmi automatici.

In totale sono stati arruolati 55 pazienti. L’algoritmo per la misura automatica della soglia di stimolazione dell’elettrocatetere LBBAP ha fornito risultati coerenti in tutti i pazienti ed è stato quindi attivato. Il valore medio della soglia di cattura LBBAP ottenuta manualmente era di 0.66±0.19 V rispetto ad una soglia misurata automaticamente dall’algoritmo di 0.64±0.19 V. L’analisi TOST ha mostrato un’equivalenza tra le due misure (p=0.66). Al follow-up successivo (follow-up medio 7.7±3.2 mesi), l’algoritmo per la misura automatica della soglia di stimolazione si è rivelato efficace nel misurare le soglie di stimolazione e non è stato osservato alcun evento clinico avverso.

In conclusione, i risultati di questo studio pilota dimostrano che gli algoritmi per la misura automatica della soglia di stimolazione sono equivalenti ai test manuali nel determinare la soglia di cattura e possono essere impiegati in modo affidabile nei pazienti sottoposti ad impianto di CIED con LBBAP.

 

Bibliografia:

Ghiglieno C, Dell’Era G, Veroli A, De Vecchi F, Santagostino M, Porcellini S, Patti G. Left bundle branch area pacing (LBBAP) Auto Threshold algorithms Evaluation for Conduction System Pacing: The LATECS pilot Trial. Pacing Clin Electrophysiol. 2023 Sep;46(9):1092-1098. doi: 10.1111/pace.14777. Epub 2023 Jul 10.

Ultimi articoli

Blocco percutaneo del ganglio stellato per il trattamento dello storm aritmico: lo studio STAR

Lo storm aritmico è un'emergenza clinica con scarse opzioni terapeutiche. Lo studio STAR (STellate ganglion block for Arrhythmic stoRm), è un importante studio multicentrico italiano, i cui risultati sono stati recentemente pubblicati sull’European Journal of Cardiology, sulla sicurezza e l’efficacia del blocco percutaneo del ganglio stellato nel trattamento dello storm aritmico.

Leggi

Apixaban per la prevenzione dello stroke nella fibrillazione atriale subclinica: lo studio ARTESIA

Recentemente pubblicati sul NEJM i risultati dello studio ARTESIA, trial clinico sul beneficio della terapia anticoagulante orale nei pazienti con fibrillazione atriale subclinica di breve durata e asintomatica per la prevenzione dello stroke.

Leggi

Ablazione della fibrillazione atriale parossistica: elettroporazione, radiofrequenza e crioenergia a confronto

L’elettroporazione (PFA) per la cura delle aritmie è recentemente emersa come nuova tecnica ablativa in grado di colpire selettivamente il tessuto cardiaco senza utilizzare una energia “termica”. Nell'articolo recentemente pubblicato di Della Rocca et al. è stata studiata una popolazione real-world di pazienti con fibrillazione atriale ed eseguita una analisi “propensity-score-matched” confrontando PFA, radiofrequenza e crioenergia.

Leggi