Notizie e commenti

ICD temporaneo esterno come terapia ponte nei pazienti sottoposti ad espianto di ICD per infezione

Dalla letteratura

L’infezione è una temuta complicanza dei dispositivi cardiaci impiantabili. Nel caso di infezione di un dispositivo cardiaco impiantabile, l’unica terapia efficace per eradicare l’infezione è la rimozione completa del dispositivo e la somministrazione di una terapia antibiotica prolungata. La gestione dei pazienti espiantati per un’infezione di un ICD è complessa, specialmente nei pazienti che necessitano di stimolazione antibradicardica o protezione da eventi aritmici ventricolari.

Lo studio

Recentemente sono stati pubblicati su Pacing and Clinical Electrophysiology i risultati di un’esperienza multicentrica italiana in cui è stata testata l’efficacia e la sicurezza di un ICD convenzionale collegato esternamente a un elettrocatetere transvenoso dual-coil come terapia ponte prima del reimpianto, confrontando i risultati di questa strategia con una coorte storica di pazienti (n=113) trattati con stimolazione transvenosa temporanea. In totale sono stati arruolati 18 pazienti espiantati per infezione da ICD che necessitavano di terapia antibiotica prolungata in tre centri italiani ad alto volume. I pazienti avevano ricevuto un ICD temporaneo esterno per una media di 16.5 (4-30) giorni prima del reimpianto.

Nessun paziente ha presentato un malfunzionamento del sistema, con una riduzione significativa di questa complicanza rispetto alla stimolazione transfemorale temporanea (37%, p=0.004). L’occorrenza post-procedura di altre complicanze (quali l’infezione, il sanguinamento locale rilevante, la tachicardia ventricolare durante l’inserimento dell’elettrocatetere, la perforazione cardiaca e la tromboembolia venosa) è stata bassa e simile nei due gruppi. Un paziente ha presentato una tempesta aritmica, riconosciuta efficacemente dall’ICD esterno e trattata con stimolazione antitachicardica (ATP) e shock.

In conclusione, i risultati di questa esperienza italiana dimostrano che l’utilizzo di un ICD temporaneo esterno come terapia ponte nei pazienti sottoposti ad espianto di ICD per infezione sembra essere un’opzione sicura e fattibile.

 

Bibliografia

Dell’Era G, Prenna E, Ziacchi M, Diemberger I, Varalda M, Guerra F, Biffi M, Occhetta E, Patti G. Management of patients explanted for implantable cardioverter defibrillator infections: Bridge therapy with external temporary ICD. Pacing Clin Electrophysiol. 2021 Sep 9. doi: 10.1111/pace.14355.

Ultimi articoli

Il Professor Roberto De Ponti è il nuovo Direttore di AIAC Ricerca

In occasione della riunione del Consiglio Direttivo Nazionale del 12 settembre scorso è stato nominato il nuovo Direttore di AIAC Ricerca per il prossimo quadriennio nella persona del Prof. Roberto De Ponti.

Leggi

Elisa Ebrille nominata EHRA Young Ambassador

Nella riunione del Consiglio Direttivo Nazionale del 12/09/22 il Consiglio ha nominato la Dott.ssa Elisa Ebrille (Ospedale Maria Vittoria, ASL Città di Torino, Torino) "EHRA Young Ambassador".

Leggi

Novità dal Congresso ESC 2022: le nuove linee guida sulle aritmie ventricolari e prevenzione della morte cardiaca improvvisa

Durante il recente Congresso ESC 2022 che si è tenuto a Barcellona lo scorso 26-29 agosto, sono state presentate le nuove linee guida ESC sulla gestione dei pazienti con aritmie ventricolari e sulla prevenzione della morte cardiaca improvvisa.

Leggi