Notizie e commenti

Il defibrillatore automatico esterno: un dispositivo salvavita ancora sottoutilizzato

Dalla letteratura

Il ruolo della defibrillazione precoce per mezzo di un defibrillatore automatico esterno (AED) è ormai consolidato. Crescenti sono infatti le evidenze scientifiche che ne confermano il ruolo prezioso nel migliorare significativamente la sopravvivenza dei pazienti con arresto cardiaco extraospedaliero. Ciononostante il tasso di utilizzo di questo strumento salvavita prima dell’arrivo dei soccorsi, la cosiddetta defibrillazione laica, è molto basso soprattutto in Italia nonostante sia cresciuto negli ultimi anni il numero di AED pubblici disseminati nel territorio nazionale.  Uno dei problemi che può giustificare questo scarso utilizzo, almeno per quanto riguarda l’Italia, è la legislazione che ne regolamenta l’utilizzo, particolarmente restrittiva se confrontata con altri Paesi in cui vige la “legge del buon samaritano” secondo cui tutti i cittadini possono mettere in atto azioni volte a salvare la vita di un essere umano.

Recentemente è stata pubblicata sul Journal of Cardiovascular Medicine una review che ha lo scopo di riassumere le evidenze scientifiche a favore della defibrillazione laica, sottolinearne l’importanza e la sicurezza sia per i soccorritori che per i pazienti anche se praticata da personale laico non formato e fornire una fotografia aggiornata di quanto sia diffusa nel mondo e poco in Italia. Questo documento porta il nome di due importanti società scientifiche, AIAC e IRC (Italian Resuscitation Council) ed è stato volutamente pubblicato sulla rivista ufficiale della Italian Federation of Cardiology (IFC) in modo che possa rappresentare un segnale forte e congiunto affinché si concluda quel percorso legislativo, intrapreso ormai tempo fa, e che dovrebbe portare ad una legge più liberale e più snella che possa facilitare così la diffusione della defibrillazione laica.

Simone Savastano
Laboratorio di Elettrofisiologia e Cardiostimolazione
IRCCS Policlinico San Matteo, Pavia

Bibliografia

Savastano S, Baldi E, Compagnoni S, Fracchia R, Ristagno G, Grieco N. The automated external defibrillator, an underused simple life-saving device: a review of the literature. A joint document from the Italian Resuscitation Council (IRC) and Associazione Italiana di Aritmologia e Cardiostimolazione (AIAC). Journal of Cardiovascular Medicine 2020; 21(10): 733-739.

Ultimi articoli

Pacemaker bicamerale: un’intramontabile terapia per la maggior parte delle bradiaritmie

Pietro Palmisano e Renato Ricci ripercorrono la storia dei pacemaker bicamerali per il trattamento delle bradiaritmie.

Leggi

Telemedicina, quali indicazioni dalla conferenza Stato-Regioni?

L'intervista a Gabriele Zanotto sul documento relativo alle indicazioni da adottare a livello nazionale per l'erogazione delle prestazioni in telemedicina.

Leggi

Gestione clinica dello storm aritmico: una revisione della letteratura

Una revisione della letteratura sulla gestione clinica dello storm aritmico, a cura dall’Area Ablazione della Tachicardia Ventricolare dell’AIAC.

Leggi