Notizie e commenti

Impatto delle complicanze CV sulla mortalità dei pazienti affetti da COVID-19

Dalla letteratura

La malattia da coronavirus 2019 (COVID-19) si sta rapidamente diffondendo in tutto il mondo e il numero di vittime causate da questa infezione sta costantemente aumentando. Diversi report hanno identificato l’età avanzata e la presenza di malattie cardiovascolari pregresse come fattori di rischio associati ad una più alta mortalità. . In particolare, un danno miocardico documentato da un aumento della troponina I ad alta densità può essere presente nel 12% dei pazienti con COVID-19 e fino al 16,7% dei pazienti con infezione sintomatica può manifestare aritmie. L’impatto delle complicanze cardiovascolari sulla mortalità dei pazienti affetti da COVID-19 non è noto.

Recentemente sono stati pubblicati su JAMA Cardiology i risultati di uno studio monocentrico, osservazionale, retrospettivo che ha arruolato 187 pazienti consecutivi affetti da COVID-19 ricoverati tra il 23 gennaio e il 23 febbraio 2020 al Seventh Hospital di Wuhan City, in Cina, un ospedale destinato al trattamento dei pazienti COVID-19. Lo studio aveva l’obiettivo di stabilire l’impatto prognostico del coinvolgimento cardiaco in corso di infezione da COVID-19. Su 187 pazienti ricoverati 43 (23%) sono deceduti. Complessivamente, 66 (35,3%) avevano una problematica cardiovascolare sottostante tra cui ipertensione, malattia coronarica e cardiomiopatia, e 52 (27,8%) mostravano danno miocardico documentato da un aumento dei livelli di TnT. La mortalità intraospedaliera era del 7,6% nei pazienti senza cardiopatia sottostante e livelli normali di TnT, del 13,3% nei pazienti con cardiopatia sottostante e livelli normali di TnT, del 37,50% nei pazienti senza cardiopatia sottostante ma con livelli di TnT elevati e del 69,4% nei pazienti con cardiopatia sottostante e TnT elevati. I pazienti con cardiopatia sottostante avevano maggiori probabilità di mostrare un aumento dei livelli di TnT rispetto ai pazienti senza cardiopatia (54,5% vs 13,2%). I livelli plasmatici di TnT erano correlati positivamente con i livelli plasmatici di proteina C reattiva ad alta sensibilità e con i livelli di NT-proBNP (p<0.001). Durante il ricovero, i pazienti con elevati livelli di TnT avevano un rischio più alto di presentare aritmie maligne, avevano maggiore probabilità di essere trattati con steroidi e di essere sottoposti a ventilazione meccanica.

Gli autori dello studio concludono che il danno miocardico in corso di infezione da COVID-19 è significativamente associato ad un più alto rischio di morte, mentre la prognosi dei pazienti con cardiopatia sottostante ma senza danno miocardico è relativamente favorevole. Il danno miocardico si associa a disfunzione cardiaca e ad aritmie. L’infiammazione può essere un potenziale meccanismo alla base del danno miocardico. Il trattamento aggressivo può essere preso in considerazione per migliorare la prognosi dei pazienti ad alto rischio di danno miocardico.

Bibliografia

1. Guo T, Fan Y, Chen M, et al. Cardiovascular Implications of Fatal Outcomes of Patients With Coronavirus Disease 2019 (COVID-19). JAMA Cardiology 2020; doi: 10.1001/jamacardio.2020.1017.

Ultimi articoli

Scadenze crediti ECM per il professionista sanitario

Di seguito si riporta un promemoria circa le scadenze in ambito ECM, che ogni professionista è tenuto ad osservare, per disposizioni nazionali.

Leggi

Il supporto cardiopolmonare durante l’ablazione della TV emodinamicamente instabile: ruolo dell’inducibilità

Pubblicati recentemente sulla rivista Frontiers in Cardiovascular Medicine i risultati di un’esperienza italiana sull’utilizzo del supporto cardiopolmonare con ossigenazione extracorporea a membrana (ECMO) durante l'ablazione transcatetere di tachicardie ventricolari sostenute (TV).

Leggi

Ruolo prognostico dell’edema miocardico evidenziato in fase acuta dalla risonanza magnetica cardiaca in pazienti sopravvissuti ad un arresto cardiaco extra-ospedaliero: uno studio multicentrico

Sul Journal of the American Heart Association sono stati pubblicati i risultati di una ricerca, promossa dall’Area Giovani per la Ricerca dell’AIAC, che ha coinvolto 9 centri italiani con l’obiettivo di valutare quale fosse il ruolo dell’edema miocardico alla RMC nel predire le recidive aritmiche durante il follow-up.

Leggi