Notizie e commenti

L’attività sportiva nei portatori di dispositivi cardiaci impiantabili

Dalla letteratura

Le caratteristiche demografiche dei pazienti portatori di dispositivi cardiaci impiantabili sono notevolmente cambiate negli ultimi anni: da una parte il progressivo invecchiamento della popolazione sta portando ad un aumento del numero di pazienti anziani con indicazione di impianto di pacemaker, dall’altra vi è aumento del numero di pazienti giovani a cui è stato impiantato un ICD per la prevenzione primaria della morte improvvisa.

Sempre più spesso sia i pazienti anziani che quelli più giovani chiedono al medico come gestire il loro dispositivo cardiaco impiantabile nelle attività quotidiane, che spesso includono la pratica sportiva. Una costante attività sportiva è consigliabile per i suoi riconosciuti benefici sulla prevenzione cardiovascolare, tuttavia esistono delle limitazioni per i pazienti con un dispositivo cardiaco impiantabile. Da qui nasce la necessità di bilanciare le richieste del paziente con le opportune precauzioni che emergono dalle evidenze disponibili.

Recentemente è stato pubblicato da un gruppo italiano sul Journal of Cardiovascular Medicine una revisione della letteratura sull’argomento che fornisce una panoramica sulle più recenti evidenze scientifiche, derivate da registri e studi osservazionali, e sulle raccomandazioni ufficiali delle società scientifiche europee ed americane. Nel corso degli anni è stato fatto un tentativo di standardizzare le raccomandazioni, ma mancano ancora evidenze solide.

Esistono inoltre differenze sostanziali tra i paesi in base ai loro regolamenti sportivi. La prospettiva futura è quella di raccogliere dati scientifici più solidi al fine di consentire a questi pazienti una pratica più sicura dell’attività sportiva anche grazie ai continui progressi tecnologici dei dispositivi cardiaci, in termini di materiali, di miglioramento della programmazione e possibilità di monitoraggio remoto.

Bibliografia

Sciarra L, Salustri E, Petroni R, et al. Sport activity in patients with cardiac implantable electronic devices: evidence and perspectives. J Cardiovasc Med (Hagerstown) 2021;22(5):335-43.

Ultimi articoli

Impatto delle 5 ondate della pandemia COVID-19 sull’attività dei centri aritmologici italiani: la nuova pubblicazione AIAC Ricerca

Guarda il video con i commenti del dottor Antonio D’Onofrio, Presidente AIAC, del professor Giuseppe Boriani, primo autore del lavoro e past director di AIAC Ricerca, e del professor Roberto De Ponti, attuale Direttore di AIAC Ricerca.

Leggi

XVIII Congresso Nazionale AIAC 2022: le relazioni sono online

Disponibili online le registrazioni video delle relazioni accreditate del XVIII Congresso Nazionale AIAC 2022.

Leggi

Ablazione di TV in pazienti con ICD, prima è meglio: il PARTITA trial

In occasione del 18° Congresso Nazionale AIAC abbiamo incontrato il Professor Paolo Della Bella (Unità Operativa di Aritmologia ed Elettrofisiologia, IRCCS Ospedale San Raffaele, Milano) e gli abbiamo chiesto di commentare i risultati del PARTITA trial recentemente pubblicato su Circulation.

Leggi