Notizie e commenti

ICD e miglioramento della frazione d’eiezione

Dalla letteratura

La frazione d’eiezione ventricolare sinistra (FE) rappresenta il cardine dei criteri utilizzati per selezionare i pazienti candidabili a impianto di defibrillatore cardiaco impiantabile (ICD) nella prevenzione primaria della morte cardiaca improvvisa. In associazione alla terapia medica ottimale, è noto come l’impianto di ICD migliori la sopravvivenza dei pazienti con scompenso cardiaco e frazione di eiezione inferiore o uguale al 35%.

Diversi studi hanno mostrato come il miglioramento della frazione di eiezione durante il follow-up si verifichi approssimativamente nel 20-25% dei soggetti con cardiomiopatia ischemica e nel 40-50% dei pazienti con cardiomiopatia non ischemica. Il rischio di morte improvvisa e dunque il beneficio derivante dall’impianto dell’ICD, ad oggi, non risulta ancora ben chiaro in presenza di un miglioramento della frazione d’eiezione durante il follow up. Recentemente è stato pubblicato uno studio su JAMA da Adabag et al con lo scopo di valutare l’efficacia dell’impianto di ICD nel ridurre la mortalità per ogni causa e il rischio di morte cardiaca improvvisa nei pazienti con riscontro di miglioramento della FE durante il follow-up.

Lo studio

L’analisi ha retrospettivamente analizzato i dati raccolti  nello studio SCD-HeFT. Dei 2521 appartenenti all’analisi iniziale, sono stati selezionati i 1902 (75.4%) pazienti che erano stati sottoposi a una rivalutazione della FE dopo una media di 13.5 ± 6 mesi dalla randomizzazione. Ventisette pazienti sono stati esclusi poiché la misurazione della FE era stata eseguita successivamente al trapianto. I rimanenti 1875 pazienti sono stati randomizzati a ricevere placebo (n=649),  amiodarone (n=602) o impianto di ICD (n=624). In base alla rivalutazione della FE, i pazienti sono stati, dunque, suddivisi tra quelli la cui FE aveva mantenuto un valore uguale o inferiore al 35% e coloro i quali avevano avuto un miglioramento con FE superiore al 35%. Nel gruppo ICD, 186 (29.8%) pazienti avevano avuto un miglioramento della FE (FE media ± DS: dal 26±7% al 46±8%) mentre nel gruppo placebo, in 185 (28.5%) pazienti la FE aveva raggiunto valori maggiori del 35% (FE media ± DS: dal 27±6% al 45±7%).

Sono stati dunque analizzate la mortalità per ogni causa e la mortalità per morte cardiaca improvvisa. Dopo 30 mesi dalla rivalutazione della FE, la mortalità totale si è dimostrata più bassa nel gruppo ICD rispetto al gruppo placebo sia nei pazienti nei quali la FE era rimasta inferiore al 35% (7.7 versus 10.7 su 100 persone/anno di follow up) sia nei soggetti con miglioramento della FE (2.6 versus 4.5 su 100 persone/anno di follow up). Rispetto al placebo, l’hazard ratio per gli effetti dell’impianto dell’ICD sulla mortalità era 0.64 (95% CI, 0.48-0.85) nei pazienti con FE rivalutata inferiore o uguale al 35% e 0.62 (95% CI, 0.29-1.30) in quelli con FE superiore al 35%.

Conclusioni

Gli studiosi hanno concluso, pertanto, che, nello studio SCD-HeFT, i pazienti con miglioramento della FE durante il follow up, presentavano una medesima riduzione della mortalità indotta dall’impianto di ICD rispetto ai pazienti nei quali la FE si era mantenuta ridotta. È necessario dunque riflettere sulle implicazioni a cui tali conclusioni conducono: la necessità di una corretta stratificazione del rischio nei pazienti in terapia medica ottimale con miglioramento della frazione d’eiezione. Studi aggiuntivi sono pertanto necessari per testare l’efficacia dell’impianto di ICD in tale categoria di pazienti.

Germana Panattoni
Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”

Fonte

Adabag S, Patton KK, Buxton AE et al. Association of Implantable Cardioverter Defibrillators With Survival in Patients With and Without Improved Ejection Fraction. Secondary Analysis of the Sudden Cardiac Death in Heart Failure Trial. JAMA Cardiol. Published online May 17, 2017.

Ultimi articoli

Il supporto cardiopolmonare durante l’ablazione della TV emodinamicamente instabile: ruolo dell’inducibilità

Pubblicati recentemente sulla rivista Frontiers in Cardiovascular Medicine i risultati di un’esperienza italiana sull’utilizzo del supporto cardiopolmonare con ossigenazione extracorporea a membrana (ECMO) durante l'ablazione transcatetere di tachicardie ventricolari sostenute (TV).

Leggi

Ruolo prognostico dell’edema miocardico evidenziato in fase acuta dalla risonanza magnetica cardiaca in pazienti sopravvissuti ad un arresto cardiaco extra-ospedaliero: uno studio multicentrico

Sul Journal of the American Heart Association sono stati pubblicati i risultati di una ricerca, promossa dall’Area Giovani per la Ricerca dell’AIAC, che ha coinvolto 9 centri italiani con l’obiettivo di valutare quale fosse il ruolo dell’edema miocardico alla RMC nel predire le recidive aritmiche durante il follow-up.

Leggi

Ablazione della fibrillazione atriale con alta potenza e breve durata: caratterizzazione biofisica delle lesioni

Pubblicato su Pacing and Clinical Electrophysiology uno studio che aveva l’obiettivo di chiarire il contributo della forza di contatto e della temperatura e la loro interrelazione nel creare una lesione adeguata con un catetere per ablazione vHPSD (very high-power short-duration).

Leggi