Notizie e commenti

Pacing nella sincope vasovagale: lo studio BioSync CLS

Dalla letteratura

Il beneficio del pacing cardiaco nei pazienti con sincope vasovagale severa e recidivante con asistolia indotta dal tilt test non è del tutto chiaro. Inoltre il ruolo del tilt test nella selezione dei pazienti con sincope vasovagale candidati all’impianto del pacemaker è ancora controverso.

Recentemente sono stati pubblicati sull’European Heart Journal i risultati dello studio BioSync CLS, un trial randomizzato in doppio cieco che ha avuto l’obiettivo di chiarire questi aspetti.

Lo studio ha arruolato pazienti di età ≥40 anni con almeno due episodi di sincope riflessa severa ed imprevedibile nell’ultimo anno e sincope cardioinibitoria (pausa asistolica >3 secondi) indotta dal tilt test. I pazienti sono stati randomizzati a ricevere un pacemaker bicamerale attivo (Pacing ON) con algoritmo Closed Loop Stimulation (CLS, Biotronik SE & Co. KG, Berlino, Germania) (63 pazienti) o un pacemaker bicamerale inattivo (Pacing OFF, 64 pazienti). L’endpoint primario era il tempo alla prima recidiva di sincope. I pazienti e gli investigatori che valutavano gli outcome erano all’oscuro del trattamento assegnato.

Dopo un follow-up mediano di 11.2 mesi, la sincope si era verificata in un numero significativamente inferiore di pazienti nel gruppo Pacing ON rispetto al gruppo controllo: 10 (16%) vs. 34 (53%); hazard ratio, 0.23; p=0.00005 (vedi Figura).

 

Figura. Sopravvivenza libera da recidiva sincopale nei due gruppi di studio. Modificata da: Brignole M et al. Cardiac pacing in severe recurrent reflex syncope and tilt-induced asystole. Eur Heart J 2021;42:508-516.

 

L’incidenza di recidiva sincopale stimato ad 1 anno era del 19% nel gruppo Pacing ON e del 53% nel gruppo controllo; a 2 anni del 22% nel gruppo Pacing ON e del 68% nel gruppo controllo. L’endpoint combinato di sincope o presincope si verificava in un numero significativamente inferiore di pazienti nel gruppo Pacing ON rispetto al gruppo controllo: 23 (37%) vs. 40 (63%); hazard ratio, 0.44; p=0.002. In 5 pazienti (4%) sono stati riportati eventi avversi minori correlati al pacemaker.

I risultati di questo studio hanno dimostrato che nei pazienti di età ≥40 anni, affetti da sincope vasovagale recidivante e severa con risposta cardioinibitoria al tilt test, il pacemaker bicamerale con algoritmo CLS è altamente efficace nel ridurre il rischio di recidiva di sincope. I risultati dello studio supportano inoltre l’utilizzo del tilt test come test utile nella selezione dei pazienti con sincope vasovagale severa e recidivante candidati all’impianto del pacemaker.

Bibliografia

Brignole M, Russo V, Arabia F, et al.; BioSync CLS trial Investigators. Cardiac pacing in severe recurrent reflex syncope and tilt-induced asystole. Eur Heart J 2021;42(5):508-516.

Ultimi articoli

L’attività sportiva nei portatori di dispositivi cardiaci impiantabili

Una revisione italiana della letteratura su sport e ICD fornisce una panoramica sulle più recenti evidenze scientifiche, derivate da registri e studi osservazionali, e sulle raccomandazioni delle società scientifiche.

Leggi

AIAC ad EHRA 2021

In occasione del prossimo congresso EHRA 2021 ci sarà una sessione dedicata ad AIAC in programma per il 24 aprile dalle 7:30 alle 8:30.

Leggi

Un indicatore multiparametrico della qualità della lesione nell’ablazione del flutter atriale tipico

Uno studio multicentrico italiano ha valutato la fattibilità e l'efficacia dell'Ablation Index nell'ablazione dell'istmo cavotricuspidalico in una serie di pazienti con flutter atriale tipico.

Leggi