Notizie e commenti

Pazienti con ICD, quali i predittori delle scelte nel fine vita?

Dalla letteratura

Nelle recenti linee guida pubblicate dall’American College of Cardiology/American Heart Association (ACC/AHA) si è sottolineata l’importanza, in pazienti con defibrillatori impiantabili (ICD), del tenere un colloquio sul fine vita, e in particolare sulla sostituzione del generatore e l’eventuale interruzione della terapia di defibrillazione, già al momento dell’impianto. Ad oggi le morti per scompenso cardiaco sono fortemente diminuite grazie a questi device, ma l’azione del dispositivo non adeguatamente modulata causa shock inappropriati che costringono il paziente ad avere un’esperienza dolorosa e prolungata nel 33% dei casi (1). Uno studio pubblicato su Heart & Lung ha valutato il legame che c’è tra l’alfabetizzazione sanitaria e l’esperienza, l’attitudine e le conoscenze che il paziente ha riguardo l’ICD e il fine vita (2).

Lo studio

Tra il 2015 e il 2016, sono stati arruolati 240 pazienti con ICD da più di 12 mesi, ai quali è stata somministrata una survey sociodemografica su età, sesso, etnia e storia pregressa di shock e sostituzione del generatore, il Newest Vital Sign per misurare l’alfabetizzazione sanitaria e la Scala dell’Ansietà e della Depressione per indagare i fattori potrebbero influenzare il processo decisionale nel fine vita. L’età media dei pazienti era di 62 anni, il 28% erano donne e il 16,7% si consideravano parte di una minoranza. L’alfabetizzazione sanitaria media dei pazienti è risultata pari a 3,07 su una scada da 0 a 6 in cui un punteggio superiore a 4 indica un’adeguata alfabetizzazione. Mentre le conoscenze specifiche sul dispositivo sono state in media del 5,6 su un punteggio massimo di 11. Il 63% dei partecipanti ha dichiarato di aver avuto una conversazione con il proprio medico sull’eventuale sostituzione del generatore e solo il 24% sull’interruzione della terapia di defibrillazione nel fine vita. A tali risultati è stato applicato il modello multinomiale di regressione logistica al fine di determinare i predittori che avrebbero influenzato le scelte di fine vita.

I punteggi bassi nella conoscenza del dispositivo e nell’alfabetizzazione sanitaria sono risultati determinanti nelle scelte di fine vita, aumentando la probabilità che il paziente scegliesse di sottoporsi all’intervento per la sostituzione del generatore o a continuare la terapia di defibrillazione nella convinzione di poter contrastare anche le malattie terminali. Inoltre, anche esperienze pregresse di shock o sostituzione del generatore sono risultate associate alla probabilità di effettuare una o l’altra scelta. Il sesso femminile è risultato predittore della decisione di mantenere una terapia di defibrillazione, di 2,288 volte più alta rispetto agli uomini (p =0,027). Si ipotizza quindi che l’esperienza del fine vita sia diversa nei due sessi per cui andrebbero fatti studi specifici. Infine, una diagnosi di ansia e depressione sono risultati predittori di un aumentato rischio di avere un’esperienza dolorosa e prolungata nel fine vita.

Conclusioni

Dallo studio è risultata un’associazione positiva tra la presenza di determinanti sociali negative, un alto tasso di comorbilità psicosociali e uno scarso livello di conoscenza del dispositivo e un rischio più elevato di andare incontro a un’esperienza dolorosa e prolungata nel fine vita.

Bibliografia

1. Westerdahl AK, Sutton R, Frykman V. Defibrillator patients should not be denied a peaceful death. International Journal of Cardiology 2015; 182: 440–6.
2. Miller JL, Chung ML, Etaee F, et al. Missed opportunities! End of life decision making and discussions in implantable cardioverter defibrillator recipients. Heart & Lung 2019; 48(4): 313-9.

 

Ultimi articoli

Scadenze crediti ECM per il professionista sanitario

Di seguito si riporta un promemoria circa le scadenze in ambito ECM, che ogni professionista è tenuto ad osservare, per disposizioni nazionali.

Leggi

Il supporto cardiopolmonare durante l’ablazione della TV emodinamicamente instabile: ruolo dell’inducibilità

Pubblicati recentemente sulla rivista Frontiers in Cardiovascular Medicine i risultati di un’esperienza italiana sull’utilizzo del supporto cardiopolmonare con ossigenazione extracorporea a membrana (ECMO) durante l'ablazione transcatetere di tachicardie ventricolari sostenute (TV).

Leggi

Ruolo prognostico dell’edema miocardico evidenziato in fase acuta dalla risonanza magnetica cardiaca in pazienti sopravvissuti ad un arresto cardiaco extra-ospedaliero: uno studio multicentrico

Sul Journal of the American Heart Association sono stati pubblicati i risultati di una ricerca, promossa dall’Area Giovani per la Ricerca dell’AIAC, che ha coinvolto 9 centri italiani con l’obiettivo di valutare quale fosse il ruolo dell’edema miocardico alla RMC nel predire le recidive aritmiche durante il follow-up.

Leggi