Notizie e commenti

Rischio di malfunzionamento dei CIED nei pazienti trattati con radioterapia

Dalla letteratura

Il numero di pazienti con dispositivi elettronici impiantabili cardiaci (CIED) sottoposti a radioterapia per il trattamento del cancro è in continua crescita. Tuttavia i dati disponibili in letteratura sulla prevalenza e i predittori dei malfunzionamenti dei CIED provocati dalla radioterapia sono scarsi.

Allo scopo di colmare questo vuoto della letteratura, un gruppo di autori italiani ha condotto un’ampia metanalisi, i cui risultati sono stati recentemente pubblicati sull’European Journal of Clinical Investigation, che ha avuto l’obiettivo di valutare la prevalenza dei malfunzionamenti dei CIED indotti dalla radioterapia e di identificare i potenziali predittori.

Lo studio

Gli autori hanno condotto una revisione sistematica della letteratura ed un meta-analisi su una serie di studi che riportavano malfunzionamenti indotti da radioterapia in pazienti portatori di CIED. In totale sono stati inclusi nella metanalisi 32 studi per un totale di 3121 pazienti portatori di CIED. In totale sono stati riportati 135 malfunzionamenti di CIED (prevalenza del 6.6%). La prevalenza complessiva di malfunzionamenti aumentava passando dai pacemaker, ai defibrillatori, ai dispositivi per la terapia di resincronizzazione cardiaca con defibrillatore (CRT-D) (4.1%, 8,2% e 19,8%). È stato riscontrato un aumento del rischio di malfunzionamenti con l’utilizzo di energie che producono neutroni rispetto alle energie che non producono neutroni (RR 9.98) e nei pazienti con defibrillatore/CRT-D rispetto a pazienti con pacemaker (RR 2.07). Al contrario, non è stata trovata alcuna associazione tra la dose massima di radiazioni a CIED >2 Gy e i malfunzionamenti dei CIED (RR 0.93).

In conclusione, i risultati di questa metanalisi  mostrano che il malfunzionamento dei CIED correlati alla radioterapia può avere una prevalenza compresa tra il 4% e il 20%. L’uso di energie che producono neutroni e dispositivi più complessi (defibrillatori/CRT-D) sono associati ad un rischio più alto di malfunzionamento del dispositivo. Al contrario l’uso di una dose maggiore di radiazioni non sembra avere un impatto significativo sul rischio di malfunzionamenti.

Bibliografia

 

Malavasi VL, Imberti JF, Tosetti A, Romiti GF, Vitolo M, Zecchin M, Mazzeo E, Giuseppina M, Lohr F, Lopez-Fernandez T, Boriani G. A systematic review and meta-analysis on oncological radiotherapy in patients with a cardiac implantable electronic device: Prevalence and predictors of device malfunction in 3121 patients. Eur J Clin Invest. 2022 Aug 25:e13862. doi: 10.1111/eci.13862. Epub ahead of print.

Ultimi articoli

Neuromodulazione nella sincope vasovagale: risultati clinici e prospettive future

In occasione del Congresso PLACE (Roma, 13-15 giugno 2024) abbiamo intervistato Leonardo Calò sull’utilizzo della neuromodulazione nella sincope vasovagale: quali sono i pazienti che ne possono beneficiare, quali sono i risultati nel medio e nel lungo termine e dove si collocherà nel prossimo futuro la neuromodulazione nella gestione del paziente con sincope vasovagale.

Leggi

Vuoi essere il nuovo Ambasciatore Italiano per l’EHRA Young Electrophysiology?

Se hai meno di 40 anni, sei membro EHRA e hai una buona conoscenza della lingua inglese invia il tuo curriculum vitae a segreteria@aiac.it entro il 15 luglio 2024.

Leggi

Elezioni dei nuovi Consigli Direttivi Regionali

Il mandato dei Consigli Direttivi Regionali e Interregionali 2022-2024 volge al termine. Le elezioni per il loro rinnovo…

Leggi