Notizie e commenti

Ruolo prognostico dello studio elettrofisiologico nei pazienti con Brugada tipo 1 farmaco-indotto

Dalla letteratura

La stratificazione del rischio aritmico nei pazienti affetti da sindrome di Brugada è ancora oggetto di discussione. Le incertezze maggiori nella prevenzione della morte improvvisa si hanno per i pazienti con pattern Brugada tipo 1 farmaco-indotto, dato che pochi studi si sono concentrati su questo particolare sottogruppo di pazienti.

Un recente articolo pubblicato su JACC: Clinical Electrophysiology da Russo et al. ha valutato retrospettivamente l’outcome di 226 pazienti con sindrome di Brugada tipo 1 farmaco-indotto. Lo studio ha coinvolto 9 centri italiani per un follow-up medio di 106 mesi. L’endpoint primario era rappresentato da un composito di interventi appropriati dell’ICD (ATP/Shock) e morte improvvisa; l’endpoint secondario erano i predittori clinici di impianto di ICD e di inducibilità allo studio elettrofisiologico endocavitario (SEF).

Tra i 226 pazienti inclusi, 142 (62.8%) erano stati sottoposti ad impianto di ICD. I predittori clinici indipendenti di impianto erano la storia di sincope (OR: 5.03, 95% C.I.: 2.42-10.48; p<0.001) e l’inducibilità di tachicardia/fibrillazione ventricolare (TV/FV) al SEF (OR: 68.54, 95% C.I.: 15.60-301.02; p<0.001). Non sono stati invece identificati fattori clinici predittivi per l’inducibilità allo studio elettrofisiologico.

Relativamente all’outcome primario, 10 pazienti (7%) hanno avuto interventi appropriati dell’ICD ed un paziente (1.2%) è deceduto improvvisamente. L’incidenza media degli eventi era 0.38%/anno (IQR: 0-1.47%). 7 pazienti (3.1%) erano deceduti durante il follow up (6 per cause non cardiache). L’analisi di Kaplan-Meier non ha mostrato una differenza significativa nel rischio di endpoint primario tra il gruppo dei pazienti portatori di ICD e quello dei non portatori (Figura).

 

studio elettrofisiologico

Figura. Rischio di intervento appropriato dell’ICD e/o di morte improvvisa (modificata da Russo V, et al. Electrophysiological Study Prognostic Value and Long-Term Outcome in Drug-Induced Type 1 Brugada Syndrome: The IBRYD Study. JACC Clin Electrophysiol. 2021 Apr 21:S2405-500X(21)00223-1. doi: 10.1016/j.jacep.2021.03.010.)

 

Il SEF mostrava un elevato valore predittivo negativo (VPN: 96.6%) indipendentemente dalla sintomatologia sincopale anamnestica del paziente (VPN: 95% nei pazienti con sincope; VPN: 100% nei pazienti asintomatici); mentre il valore predittivo positivo era basso in entrambi i casi (VPP: 9.6% ed 8.9%, rispettivamente). Le complicanze dovute all’impianto di ICD sono state elevate (14.8%), più frequentemente dovute a malfunzionamento dell’elettrocatetere.

Dall’analisi dei risultati è emerso che:

– la decisione di impiantare un ICD in pazienti con Brugada di tipo 1 farmaco-indotto è stata spesso guidata dalla storia di sincope e dall’inducibilità al SEF di TV/FV;

– nei pazienti portatori di ICD sottoposti a SEF non era stata però osservata alcuna differenza statisticamente significativa nell’endpoint primario in base all’inducibilità di TV/FV;

– l’inducibilità al SEF sembra avere una scarsa utilità nell’identificare pazienti ad elevato rischio aritmico; al contrario, la non inducibilità ha identificato in maniera accurata i pazienti a basso rischio;

– i pazienti con Brugada tipo 1 farmaco-indotto hanno una bassa incidenza di eventi aritmici (0.38%/anno), a fronte di un elevata incidenza di complicanze correlate all’ICD.

In conclusione, il rapporto rischio-beneficio dell’impianto di ICD basato sulla strategia di inducibilità al SEF in pazienti con Brugada di tipo 1 farmaco-indotto sembra essere meno vantaggioso che in altri contesti clinici a causa della bassa incidenza di eventi aritmici ed all’elevato numero di complicanze.

Bibliografia

Russo V, Pafundi PC, Caturano A, et al. Electrophysiological study prognostic value and long-term outcome in drug-induced Type 1 Brugada Syndrome: the IBRYD Study. JACC Clin Electrophysiol. 2021 Apr 21:S2405-500X(21)00223-1. doi: 10.1016/j.jacep.2021.03.010. Epub ahead of print. PMID: 33933405.

Ultimi articoli

AIAC saluta il dottor Ezio Soldati

AIAC piange la morte di Ezio Soldati, spentosi il 9 aprile 2024 all’età di 67 anni. Alla famiglia e ai colleghi della Cardiologia 2 dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana giungano i più vivi sentimenti di cordoglio da parte del Direttivo nazionale AIAC.

Leggi

Quattro FAD AIAC disponibili online dal 15 aprile

Dopo il successo delle edizioni precedenti AIAC ha deciso di rendere disponibili le riedizioni delle seguenti 4  FAD asincrone…

Leggi

Apixaban per la prevenzione dello stroke nella fibrillazione atriale subclinica: lo studio ARTESIA

Recentemente pubblicati sul NEJM i risultati dello studio ARTESIA, trial clinico sul beneficio della terapia anticoagulante orale nei pazienti con fibrillazione atriale subclinica di breve durata e asintomatica per la prevenzione dello stroke.

Leggi