Notizie e commenti

Stimolazione “closed loop” per il trattamento della sincope cardioinibitoria

Dalla letteratura

I pazienti affetti da sincope vasovagale cardioinibitoria vanno spesso incontro a episodi di bradicardia o asistolia prolungata che possono causare danni gravi a livello sia fisico che psicologico. In questi pazienti, poi, la stimolazione permanente convenzionale (DDD) può non essere efficace nel ridurre l’occorrenza della sincope ed è quindi raccomandata solo nei soggetti di età superiore ai 40 anni in cui altri approcci terapeutici hanno fallito e con documentata cardioinibizione spontanea o indotta mediante tilt test. È stata sviluppata una tipologia di stimolazione – denominata “closed loop” (CLS) –, in grado di rispondere alle dinamiche di contrazione miocardica attraverso la misurazione dell’impedenza intracardica del ventricolo destro, la quale è risultata più efficace della stimolazione standard nel prevenire l’occorrenza della sincope (1,2,3). Un gruppo di ricerca italiano ha quindi messo a confronto, su un campione di pazienti affetti da sincope vasovagale cardioinibitoria, gli effetti di una stimolazione CLS  e di una DDD in termini di variazioni emodinamiche e di occorrenza della sincope indotta tramite tilt test. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Europace (4).

Lo studio

Lo studio prospettico, randomizzato, in singolo cieco, multicentrico TIRECS (Tilt test-induced REsponse in Closed-loop Stimulation) ha previsto un confronto intra-paziente su 30 soggetti con sincope vasovagale cardioinibitoria  e pacemaker bicamerale dotato di algoritmo CLS integrato. Questi sono stati sottoposti a due tilt test a distanza di una settimana di tempo l’uno dall’altro. In 15 pazienti il primo tilt test è stato effettuato  durante una stimolazione DDD-CLS (60-130 bpm) e il secondo durante una stimolazione DDD (60 bpm), mentre nei restanti 15 i tilt test sono stati effettuati con protocollo inverso (il primo durante stimolazione DDD e il secondo durante stimolazione DDD-CLS). Dai risultati è emerso che la stimolazione DDD-CLS è in grado, rispetto a quella convenzionale, di ridurre significativamente l’occorrenza della sincope indotta dal tilt test (30,0% vs. 76,7%; P<0,001). “La riduzione – scrivono gli autori dello studio – è probabilmente dovuta a un effetto significativo dell’algoritmo sulle variazioni emodinamiche indotte dal riflesso vasovagale”. Inoltre, nei soggetti che sono andati incontro a sincope con entrambe le tipologie di stimolazione quella DDD-CLS è comunque risultata in grado di ritardare l’inizio del riflesso vasovagale (da 20,8 ± 3,8 a 24,8 ± 0,9 min; P=0,032). Per quanto riguarda i parametri emodinamici, infine, la massima riduzione della pressione sistolica durante il tilt test è risultata significativamente minore con la stimolazione DDD-CLS rispetto a quella DDD (43,2 ± 30,3 vs. 65,1 ± 25,8 mmHg; P=0,004).

Conclusioni

Nei pazienti sottoposti a impianto di pacemaker per una sincope vasovagale severa e refrattaria con documentata cardioinibizione, una stimolazione “closed loop” riduce significativamente, rispetto a una stimolazione convenzionale, l’occorrenza della sincope indotta mediante tilt test. Nello specifico, si è osservato che nella maggior parte dei pazienti l’algoritmo CLS è in grado di bloccare il riflesso vasovagale prima che si verifichi, mentre nei restanti permette di ritardare l’esordio del riflesso e quindi la perdita di coscienza.  Inoltre, l’algoritmo CLS è risultato in grado di aumentare la gittata cardiaca e la pressione sanguigna.

Bibliografia
1. Occhetta E, Bortnik M, Vassanelli C. The DDDR closed loop stimulation for the prevention of vasovagal syncope: results from the INVASY prospective feasibility registry. Europace 2003; 5: 153 – 62.
2. Occhetta E, Bortnika M, Audogliob R, Vassanelli C. Closed loop stimulation in prevention of vasovagal syncope. Inotropy controlled pacing in vasovagal syncope (INVASY): a multicentre randomized, single blind, controlled study. Europace 2004; 6: 538 – 47.
3. Palmisano P, Zaccaria M, Luzzi G, et al. Closed-loop cardiac pacing vs conventional dual-chamber pacing with specialized sensing and pacing algorithms for syncope prevention in patients with refractory vasovagal syncope: results of a long-term follow-up. Europace 2012; 14: 1038 – 43.
4. Palmisano P, Dell’Era G, Russo V, et al. Effects of closed-loop stimulation vs. DDD pacing on haemodynamic variations and occurrence of syncope induced by head-up tilt test in older patients with refractory cardioinhibitory vasovagal syncope: the Tilt test-Induced REsponse in Closed-loop Stimulation multicentre, prospective, single blind, randomized study. Europace 2018; 20: 859 – 866.

Ultimi articoli

Il supporto cardiopolmonare durante l’ablazione della TV emodinamicamente instabile: ruolo dell’inducibilità

Pubblicati recentemente sulla rivista Frontiers in Cardiovascular Medicine i risultati di un’esperienza italiana sull’utilizzo del supporto cardiopolmonare con ossigenazione extracorporea a membrana (ECMO) durante l'ablazione transcatetere di tachicardie ventricolari sostenute (TV).

Leggi

Ruolo prognostico dell’edema miocardico evidenziato in fase acuta dalla risonanza magnetica cardiaca in pazienti sopravvissuti ad un arresto cardiaco extra-ospedaliero: uno studio multicentrico

Sul Journal of the American Heart Association sono stati pubblicati i risultati di una ricerca, promossa dall’Area Giovani per la Ricerca dell’AIAC, che ha coinvolto 9 centri italiani con l’obiettivo di valutare quale fosse il ruolo dell’edema miocardico alla RMC nel predire le recidive aritmiche durante il follow-up.

Leggi

Ablazione della fibrillazione atriale con alta potenza e breve durata: caratterizzazione biofisica delle lesioni

Pubblicato su Pacing and Clinical Electrophysiology uno studio che aveva l’obiettivo di chiarire il contributo della forza di contatto e della temperatura e la loro interrelazione nel creare una lesione adeguata con un catetere per ablazione vHPSD (very high-power short-duration).

Leggi