Notizie e commenti

Tachicardia atriale post crioablazione della fibrillazione atriale

Dalla letteratura

La procedura di crio-ablazione eseguita con palloni di seconda generazione (CBA) per l’isolamento delle vene polmonari (PVI) è caratterizzata da un elevata percentuale di successo e da outcome favorevoli nei pazienti affetti da fibrillazione atriale parossistica e persistente. La prevalenza della tachicardia atriale (AT) dopo PVI si aggira intorno al 2.8% e si associa ad una maggiore sintomatologia a causa di frequenze ventricolari raggiunte più elevate rispetto alla fibrillazione atriale stessa. Tale aritmia, inoltre, è generalmente non responsiva alla terapia medica e richiede una nuova strategia ablativa. Il meccanismo primario supposto è la riconnessione atrio-venosa, mentre un meccanismo di macro-rientro è stato descritto soltanto in uno studio.

Lo studio

È stato recentemente pubblicato sul Journal of Cardiology uno studio da Lyan et al. (1), con lo scopo di valutare l’incidenza, il meccanismo, il substrato sottostante e i predittori clinici di AT dopo CBA in una coorte di pazienti affetti da fibrillazione atriale persistente.

Sono stati arruolati nello studio 238 pazienti (età media: 64.8±11.2 anni, 145 (60.9%) di sesso maschile) affetti da fibrillazione atriale persistente e parossistica sottoposti a CBA: 4 pazienti sono stati esclusi dallo studio a causa di un follow-up incompleto. Durante 11.9±5.5 mesi, il 75.2% (179/238 pazienti) dei pazienti non aveva sperimentato alcuna recidiva aritmica, mentre il 20.6% (49/238 pazienti) aveva presentato recidiva di fibrillazione atriale e l’11.3% (27/238) riscontro di AT sostenuta. Dei 49 pazienti con recidiva di fibrillazione atriale, 17 (34.7%) avevano una concomitante AT e 32 (65.3%) pazienti soltanto una fibrillazione atriale. Una procedura redo di ablazione è stata eseguita in 40/59 pazienti (67.8%), in 26 pazienti per AT ed in 14 per AF. Il meccanismo prevalente riscontrato è stato il macro-rientro (flutter atriale tipico (10 pazienti), macro-rientro atriale sinistro (14 pazienti),  AT focale sinistra in (2 pazienti)).

L’analisi del substrato ha rivelato la presenza di aree di basso voltaggio nell’atrio sinistro in tutti i pazienti con AT sinistra ed aree di basso voltaggio nella parete posteriore dell’atrio destro come parte del circuito di rientro in tutti i pazienti con AT atriale destra non CTI dipendente. L’analisi multivariata ha mostrato come il tipo di AF (HR=3.3; CI=1.2-9.4; P=0.022), il tipo di cardiomiopatia (HR=3.5; CI=1.5-8.4; P<0.0001), le anormalità delle VP (HR=4.6; CI=2.1-10.4; P=0.022), il trattamento con beta bloccante nel follow up  (HR=0.3; CI=0.1-0.6; P=0.001) siano dei predittori indipendenti di AT.

Conclusioni

I risultati dello studio dimostrano come l’incidenza di AT dopo CBA sia relativamente alta (11.3%) e che il macro-rientro sia il meccanismo prevalente. L’analisi del substrato ha mostrato come tutti i pazienti con AT sinistra presentino aree di basso voltaggio nell’atrio sinistro suggerendo una sottostante progressiva malattia fibrotica in tale categoria di pazienti.

Germana Panattoni

Bibliografia
1. Lyan E, Yalin K, Abdin A, et al. Mechanism, underlying substrate and predictors of atrial tachycardia following atrial fibrillation ablation using the second-generation cryoballoon. Journal of Cardiology 2019; DOI: https://doi.org/10.1016/j.jjcc.2019.02.006.

Ultimi articoli

Impianto di pacemaker: tra rischi di complicanze e buone pratiche

L'impianto di un pacemaker può essere considerato un intervento rischioso? Qual è la reale incidenza di complicanze e quali sono gli accorgimenti che, se utilizzati, permettono di ridurne il rischio? Mauro Biffi risponde a queste domande nell'intervista realizzata durante l'ultimo Congresso AIAC e offre 3 consigli per i giovani aritmologi che stanno cominciando a impiantare pacemaker.

Leggi

I giovani italiani premiati all’EHRA Young EP ECG Contest

Tra le 10 nazioni che hanno partecipato alla finale del Contest, l’Italia, rappresentata da Giovanni Coluccia (Azienda Ospedaliera “Card. G. Panico”, Tricase), Lorenzo Mazzocchetti (Clinica Pierangeli di Pescara) e Andrea Giuseppe Porto (Azienda Ospedaliera Cannizzaro di Catania) si è piazzata al secondo posto dopo l’Austria.

Leggi

AIAC saluta il dottor Ezio Soldati

AIAC piange la morte di Ezio Soldati, spentosi il 9 aprile 2024 all’età di 67 anni. Alla famiglia e ai colleghi della Cardiologia 2 dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana giungano i più vivi sentimenti di cordoglio da parte del Direttivo nazionale AIAC.

Leggi