Notizie e commenti

Un caso di coinvolgimento cardiaco in paziente affetto da COVID-19

Dalla letteratura

In corso di infezione da COVID-19 il coinvolgimento cardiaco non è infrequente. I pazienti possono presentare l’esacerbazione di una problematica cardiaca preesistente o il manifestarsi di una patologia cardiaca in totale assenza di precedenti cardiovascolari. Recentemente è stato pubblicato da un gruppo di ricercatori italiani su JAMA Cardiology un caso clinico di un paziente con infezione da COVID-19 complicata da un coinvolgimento cardiaco (1).

Il caso clinico riguarda una donna di 53 anni senza patologie cardiovascolari note, che giungeva in pronto soccorso per astenia da 2 giorni, senza dolore toracico, né dispnea. La paziente aveva avuto un episodio febbrile con tosse la settimana precedente. La paziente si presentava tachicardica, ipotesa, apiretica. L’ECG documentava un lieve sopraslivellamento del tratto ST nelle derivazioni inferiori e laterali. L’Rx del torace era negativo. Gli esami ematochimici documentavano un aumento della troponina T ad alta sensibilità, un aumento del BNP , un emocromo normale ed un lieve aumento della PCR. Nel sospetto di una sindrome coronarica acuta veniva eseguita una coronarografia che documentava l’assenza di ostruzioni coronariche. L’ecocardiogramma documentava una ipocinesia globale del ventricolo sinistro (FE: 40%) con un versamento pericardico diffuso. La paziente veniva ricoverata in UTIC con diagnosi di sospetta miopericardite. Veniva sottoposta a tampone nasofaringeo che risultava positivo per SARS-CoV-2. Veniva eseguita una risonanza magnetica cardiaca che confermava una disfunzione sistolica del ventricolo sinistro (FE: 35%) e la presenza di edema interstiziale biventricolare compatibile con miocardite acuta. La paziente veniva trattata con inotropi (dobutamina), antivirali (lopinavir/ritonavir), steroidi, clorochina, e farmaci per lo scompenso cardiaco con progressiva stabilizzazione del quadro clinico e strumentale.

Il caso clinico descritto rappresenta un classico caso di coinvolgimento miopericardico infiammatorio in corso di infezione da COVID-19 esordito con un quadro di insufficienza cardiaca e severa disfunzione ventricolare sinistra. L’elemento interessante del caso è rappresentato dal fatto che le manifestazioni cardiache dell’infezione si sono presentate solo dopo una settimana dalle manifestazioni respiratorie (che hanno avuto un decorso lieve). La miopericardite è stata trattata efficacemente con terapia antivirale, antinfiammatoria e con farmaci per lo scompenso cardiaco.

Bibliografia

1. Inciardi RM, Lupi L, Zaccone G, et al. Cardiac Involvement in a Patient With Coronavirus Disease 2019 (COVID-19). JAMA Cardiology 2020; doi: 10.1001/jamacardio.2020.1096.

Ultimi articoli

Neuromodulazione nella sincope vasovagale: risultati clinici e prospettive future

In occasione del Congresso PLACE (Roma, 13-15 giugno 2024) abbiamo intervistato Leonardo Calò sull’utilizzo della neuromodulazione nella sincope vasovagale: quali sono i pazienti che ne possono beneficiare, quali sono i risultati nel medio e nel lungo termine e dove si collocherà nel prossimo futuro la neuromodulazione nella gestione del paziente con sincope vasovagale.

Leggi

Vuoi essere il nuovo Ambasciatore Italiano per l’EHRA Young Electrophysiology?

Se hai meno di 40 anni, sei membro EHRA e hai una buona conoscenza della lingua inglese invia il tuo curriculum vitae a segreteria@aiac.it entro il 15 luglio 2024.

Leggi

Elezioni dei nuovi Consigli Direttivi Regionali

Il mandato dei Consigli Direttivi Regionali e Interregionali 2022-2024 volge al termine. Le elezioni per il loro rinnovo…

Leggi