Notizie e commenti

Verso un trattamento upstream della fibrillazione atriale

Dalla letteratura

Un trattamento “upstream” per il controllo del ritmo cardiaco, basato sulla gestione dei principali fattori di rischio cardiovascolare e composto da una combinazione di interventi comportamentali e terapia farmacologica, è sia efficace che sicuro nei pazienti con fibrillazione atriale (FA). Lo sostengono i primi dati dello studio RACE 3, presentati a Barcellona durante il Congresso annuale dell’European Society of Cardiology (ESC). Questi mostrano infatti che l’intervento combinato “upstream” si associa a outcome migliori rispetto al solo trattamento farmacologico.

Lo studio

Nell’ambito del trial RACE 3 un team internazionale di ricercatori ha preso in esame 250 pazienti con recente diagnosi di FA persistente e scompenso cardiaco da lieve a moderato, già schedulati per una cardioversione elettrica. I pazienti sono stati randomizzati per ricevere una terapia convenzionale del controllo del ritmo cardiaco con o senza trattamento upstream basato su quattro fattori di rischio in aggiunta (attività fisica e dieta; terapia con antagonisti recettoriali dei mineralcorticoidi; terapia con statine; terapia connACE-inibitori o sartani). Dopo 1 anno di follow up, il ritmo sinusale era presente nel 75% dei pazienti de gruppo “upstream” e nel 63% dei pazienti del gruppo “convenzionale”. Michiel Rienstra, direttore dell’University Medical Centre di Groningen ha così commentato i risultati: “Non solo questo tipo di approccio si è rivelato più efficace di quello convenzionale, ma la terapia upstream ci ha consentito di ottenere miglioramenti sostanziali in tutti i fattori di rischio CVD interessati”.

Conclusione

“Nella maggior parte dei pazienti, la fibrillazione atriale è in parte causata da comorbilità come ipertensione, scompenso cardiaco, obesità”, spiega Rienstra. “La FA è una patologia progressiva e, nonostante le diverse opzioni farmacologiche a disposizione, il mantenimento a lungo termine di un normale ritmo cardiaco sinusale è assai complicato a causa del rimodellamento strutturale dell’atrio sinistro del cuore. Un trattamento upstream può rallentare questo processo e aiutarci a prevenire la progressione della fibrillazione atriale”.

Fonte
Van Gelder IC. Routine versus aggressive upstream rhythm control for prevention of early atrial fibrillation in heart failure, the RACE 3 study. Presentato al Congresso annuale dell’European Society of Cardiology, Barcellona 26 – 30 agosto 2017.

Ultimi articoli

Il supporto cardiopolmonare durante l’ablazione della TV emodinamicamente instabile: ruolo dell’inducibilità

Pubblicati recentemente sulla rivista Frontiers in Cardiovascular Medicine i risultati di un’esperienza italiana sull’utilizzo del supporto cardiopolmonare con ossigenazione extracorporea a membrana (ECMO) durante l'ablazione transcatetere di tachicardie ventricolari sostenute (TV).

Leggi

Ruolo prognostico dell’edema miocardico evidenziato in fase acuta dalla risonanza magnetica cardiaca in pazienti sopravvissuti ad un arresto cardiaco extra-ospedaliero: uno studio multicentrico

Sul Journal of the American Heart Association sono stati pubblicati i risultati di una ricerca, promossa dall’Area Giovani per la Ricerca dell’AIAC, che ha coinvolto 9 centri italiani con l’obiettivo di valutare quale fosse il ruolo dell’edema miocardico alla RMC nel predire le recidive aritmiche durante il follow-up.

Leggi

Ablazione della fibrillazione atriale con alta potenza e breve durata: caratterizzazione biofisica delle lesioni

Pubblicato su Pacing and Clinical Electrophysiology uno studio che aveva l’obiettivo di chiarire il contributo della forza di contatto e della temperatura e la loro interrelazione nel creare una lesione adeguata con un catetere per ablazione vHPSD (very high-power short-duration).

Leggi