Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

Ablazione dell’istmo cavo-tricuspidalico con IntellaNav MiFi OI

ablazione istmo cavo-tricuspidalico

I siti efficaci per un’ablazione dell’istmo cavo-tricuspidalico si associano a un numero maggiore, in termini sia assoluti che percentuali, di cali dell’impedenza locale rispetto ai siti non efficaci. Uno studio, i cui risultati sono stati pubblicati sul Journal of Arrhythmia, ha indagato l’impiego di un catetere ablatore in grado di misurare l’impedenza locale col fine di individuare, in riferimento a questo parametro, i valori ottimali per ottenere un’ablazione efficace (1).

In particolare, lo studio ha preso in considerazione procedure di ablazione dell’istmo cavo-tricuspidalico effettuate con catatere ablatore IntellaNav MiFi OI, introdotto recentemente nella pratica clinica in ambito aritmologico e già risultato associato a ottime performance nell’ambito di procedure di ablazione con radiofrequenza (2,3).

Sono stati reclutati 50 pazienti consecutivi (34 di sesso maschile; età media: 68 ± 9 anni) sottoposti ad ablazione dell’istmo cavo-tricuspidalico effettuata con catatere ablatore IntellaNav MiFi OI e guidata da sistema Rhythmia HDx. Per ogni applicazione di radiofrequenza sono state analizzate impedenza locale iniziale e minima, così da poter calcolare in termini assoluti e percentuali le variazioni relative a questo parametro.

In totale sono state analizzate 518 applicazioni di radiofrequenza. I cali dell’impedenza locale sono risultati significativamente maggiori, in termini sia assoluti (15 vs. 8 ohms, P < 0,0001) che percentuali (14,7% vs 8,3%, P < 0,0001), nei siti di ablazione efficaci rispetto a quelli non efficaci. I ricercatori sono riusciti quindi a calcolare dei valori di cut-off ottimale per il calo dell’impendenza locale – 12 ohms in termini assoluti e a 11,6% in termini percentuali -, con una sensibilità e specificità nel predire il successo dell’ablazione pari rispettivamente a 66,5% / 88,2% e  65,1% / 88,2%.

Bibliografia
1. Sasaki T, Nakamura K, Inoue M, et al. Optimal local impedence drops for an effective radiofrequency ablation during cavo-tricuspid isthmus ablation. Journal of Arrhythmia 2020; 00: 1 – 7.
2. Münkler P, Gunawardene Ma, Jungen C, et al. Local impedence guides catheter ablation in patients with ventricular tachicardia. J Cardiovasc Electrophysiol 2020; 31(1): 61 – 69.
3. Sulkin MS, Laughner JI, Hilbert S, et al. Novel measure of local impedence predicts catheter-tissue contact and lesion formation. Circ Arrhythm Electrophysiol 2018; 11(4): e005831.

 

Ultimi articoli

Responsabilità Professionale

Responsabilità medica e assicurativa: che cosa è Come i colleghi sanno il contenzioso medico legale è in progressivo…

Leggi

Modulo Regolamento Privacy per i singoli medici che svolgono attività libero-professionale intramoenia o extramoenia

Il GDPR (Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati) entrato in vigore dal 25 maggio 2018 impone nuovi adempimenti normativi…

Leggi

AIAC Academy

Il progetto formativo denominato AIAC ACADEMY è finalizzato alla formazione continua e al training…

Leggi