Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

Ablazione dell’istmo cavo-tricuspidalico con IntellaNav MiFi OI

ablazione istmo cavo-tricuspidalico

I siti efficaci per un’ablazione dell’istmo cavo-tricuspidalico si associano a un numero maggiore, in termini sia assoluti che percentuali, di cali dell’impedenza locale rispetto ai siti non efficaci. Uno studio, i cui risultati sono stati pubblicati sul Journal of Arrhythmia, ha indagato l’impiego di un catetere ablatore in grado di misurare l’impedenza locale col fine di individuare, in riferimento a questo parametro, i valori ottimali per ottenere un’ablazione efficace (1).

In particolare, lo studio ha preso in considerazione procedure di ablazione dell’istmo cavo-tricuspidalico effettuate con catatere ablatore IntellaNav MiFi OI, introdotto recentemente nella pratica clinica in ambito aritmologico e già risultato associato a ottime performance nell’ambito di procedure di ablazione con radiofrequenza (2,3).

Sono stati reclutati 50 pazienti consecutivi (34 di sesso maschile; età media: 68 ± 9 anni) sottoposti ad ablazione dell’istmo cavo-tricuspidalico effettuata con catatere ablatore IntellaNav MiFi OI e guidata da sistema Rhythmia HDx. Per ogni applicazione di radiofrequenza sono state analizzate impedenza locale iniziale e minima, così da poter calcolare in termini assoluti e percentuali le variazioni relative a questo parametro.

In totale sono state analizzate 518 applicazioni di radiofrequenza. I cali dell’impedenza locale sono risultati significativamente maggiori, in termini sia assoluti (15 vs. 8 ohms, P < 0,0001) che percentuali (14,7% vs 8,3%, P < 0,0001), nei siti di ablazione efficaci rispetto a quelli non efficaci. I ricercatori sono riusciti quindi a calcolare dei valori di cut-off ottimale per il calo dell’impendenza locale – 12 ohms in termini assoluti e a 11,6% in termini percentuali -, con una sensibilità e specificità nel predire il successo dell’ablazione pari rispettivamente a 66,5% / 88,2% e  65,1% / 88,2%.

Bibliografia
1. Sasaki T, Nakamura K, Inoue M, et al. Optimal local impedence drops for an effective radiofrequency ablation during cavo-tricuspid isthmus ablation. Journal of Arrhythmia 2020; 00: 1 – 7.
2. Münkler P, Gunawardene Ma, Jungen C, et al. Local impedence guides catheter ablation in patients with ventricular tachicardia. J Cardiovasc Electrophysiol 2020; 31(1): 61 – 69.
3. Sulkin MS, Laughner JI, Hilbert S, et al. Novel measure of local impedence predicts catheter-tissue contact and lesion formation. Circ Arrhythm Electrophysiol 2018; 11(4): e005831.

 

Ultimi articoli

AIAC saluta il dottor Ezio Soldati

AIAC piange la morte di Ezio Soldati, spentosi il 9 aprile 2024 all’età di 67 anni. Alla famiglia e ai colleghi della Cardiologia 2 dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana giungano i più vivi sentimenti di cordoglio da parte del Direttivo nazionale AIAC.

Leggi

Quattro FAD AIAC disponibili online dal 15 aprile

Dopo il successo delle edizioni precedenti AIAC ha deciso di rendere disponibili le riedizioni delle seguenti 4  FAD asincrone…

Leggi

Apixaban per la prevenzione dello stroke nella fibrillazione atriale subclinica: lo studio ARTESIA

Recentemente pubblicati sul NEJM i risultati dello studio ARTESIA, trial clinico sul beneficio della terapia anticoagulante orale nei pazienti con fibrillazione atriale subclinica di breve durata e asintomatica per la prevenzione dello stroke.

Leggi