Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

Alta densità nel trattamento delle aritmie tra principali vantaggi e nuovi scenari clinici

In questa videointervista Francesco Solimene (Responsabile del Laboratorio di Elettrofisiologia, Clinica Montevergine, Mercogliano) illustra i principali vantaggi dell’utilizzo dell’alta densità nel trattamento delle aritmie, soprattutto quelle complesse. Nelle tachicardie ventricolari, dove il circuito è complesso, tecnologie come Rhythmia e Lumipoint sono anzi indispensabili. L’impedenza locale ha inoltre aperto nuovi scenari clinici: dalla conoscenza di come si forma una lesione alla individuazione dell’accoppiamento elettrico per predire una lesione efficace.

Ultimi articoli

Blocco percutaneo del ganglio stellato per il trattamento dello storm aritmico: lo studio STAR

Lo storm aritmico è un'emergenza clinica con scarse opzioni terapeutiche. Lo studio STAR (STellate ganglion block for Arrhythmic stoRm), è un importante studio multicentrico italiano, i cui risultati sono stati recentemente pubblicati sull’European Journal of Cardiology, sulla sicurezza e l’efficacia del blocco percutaneo del ganglio stellato nel trattamento dello storm aritmico.

Leggi

Apixaban per la prevenzione dello stroke nella fibrillazione atriale subclinica: lo studio ARTESIA

Recentemente pubblicati sul NEJM i risultati dello studio ARTESIA, trial clinico sul beneficio della terapia anticoagulante orale nei pazienti con fibrillazione atriale subclinica di breve durata e asintomatica per la prevenzione dello stroke.

Leggi

Ablazione della fibrillazione atriale parossistica: elettroporazione, radiofrequenza e crioenergia a confronto

L’elettroporazione (PFA) per la cura delle aritmie è recentemente emersa come nuova tecnica ablativa in grado di colpire selettivamente il tessuto cardiaco senza utilizzare una energia “termica”. Nell'articolo recentemente pubblicato di Della Rocca et al. è stata studiata una popolazione real-world di pazienti con fibrillazione atriale ed eseguita una analisi “propensity-score-matched” confrontando PFA, radiofrequenza e crioenergia.

Leggi