Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

Esempio di redo di flutter destro recidivante

Ospedale Molinette, Torino

Si tratta di è un uomo di 46 anni con miopatia mitocondriale di Kearn-Sayre e blocco atrio-ventricolare completo con impianto di pacemaker bicamerale nel 1993, che viene sottoposto a redo di flutter destro recidivante, precedentemente ablato nel luglio 2020.

L’attivazione prossimo distale del CS indica un verosimile circuito di flutter in atrio destro e si esegue quindi il mappaggio della camera di interesse. La mappa di substrato evidenzia un’ampia cicatrice a livello dell’istmo cavo-tricuspidalico, mentre dalla mappa di attivazione si nota un circuito peri-tricuspidalico in senso orario con un piccolo gap sul versante cavale della linea di blocco cavo-tricuspidalico.

Con l’aiuto dei mini-elettrodi vengono ablati segnali frammentati a basso voltaggio a livello del gap con ripristino del ritmo sinusale dopo 11 secondi di erogazione.

Anche se la procedura ha bisogno del controllo fluoroscopico, utilizzare il sistema di mappaggio 3D consente di ridurre al minimo i tempi di esposizione radiologica ottenendo comunque una mappa completa dell’aritmia. Inoltre i microelettrodi sulla punta dell’ablatore permettono di registrare potenziali di basso voltaggio e di eseguire con maggiore facilità ablazioni “one-shot” riducendo tempi procedurali, numero di lesioni necessarie e quindi i rischi di complicanze.

Video a cura dei medici Ospedale Molinette – AOU Citta della Salute e della Scienza di Torino

Ultimi articoli

Nuovo appuntamento con l’Angolo dell’Editoria

Giovedì 30 giugno 2022 alle ore 18.00 è previsto un nuovo appuntamento con l’Angolo dell’Editoria: ad essere presentato, il libro “Il blocco percutaneo del ganglio stellato a scopo antiaritmico. Una guida pratica” a cura di Simone Savastano.

Leggi

Verso AIAC 2022

Le novità del prossimo Congresso Nazionale dell’Associazione Il 18° Congresso Nazionale AIAC…

Leggi

Lesioni cerebrali rilevate dalla RMN e funzione cognitiva dopo ablazione di fibrillazione atriale: lo studio AXAFA-AFNET 5

Pubblicati su Circulation i risultati di un’analisi dello studio AXAFA-AFNET 5 che ha valutato la prevalenza di lesioni cerebrali ischemiche rilevate mediante RMN dopo una procedura di ablazione di fibrillazione atriale parossistica eseguita senza interrompere l’anticoagulante orale.

Leggi