Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

Fibrillazione atriale parossistica de novo e flutter tipico: approccio combinato con tecnologia cryo e mappaggio ad ultra alta densità

Fondazione Poliambulanza di Brescia

Il paziente è un uomo di 59 anni, con esordio recente di fibrillazione atriale parossistica e flutter tipico comune. È stato accolto in PS con dolore toracico associato ad ECG nella norma, ma dato l’incremento significativo della troponina I è stato sottoposto a coronarografia, con riscontro di coronarie indenni. È stata esclusa la presenza di cardiopatia strutturale all’ecocardiogramma e alla RMN. Durante la degenza ha presentato episodi iterativi di fibrillazione atriale con tratti di sincronizzazioni in flutter 1:1, condotto con aberranza di conduzione, sintomatici per dolore toracico. È stata quindi posta indicazione alla ablazione transcatetere delle aritmie, come terapia di prima linea.

È stata creata la mappa elettro-anatomica dell’atrio destro, utilizzando un approccio low fluoro in pacing da CS. Successivamente è stata eseguita l’ablazione dell’istmo cavo triscuspidalico, utilizzando il catetere 4mm irrigato con mini elettrodi e tecnologia DIRECTSENSE. Al termine dell’ablazione è stato eseguito il remap dell’istmo per confermare il blocco di conduzione.

A questo punto si è proceduto con la creazione della mappa di voltaggio dell’atrio sinistro, in pacing da CS. La realizzazione della mappa ha permesso di visualizzare il catetere circolare Polarmap durante il posizionamento del catetere per cryo ablazione. Per ogni vena polmonare è stato possibile visualizzare l’isolamento e marcare il TTI direttamente sulla consolle.

Al termine dell’ablazione è stato eseguito il remap dell’atrio sinistro che ha confermato l’avvenuto isolamento delle vene polmonari.

Si segnala l’utilizzo del catetere Orion per la stimolazione del nervo frenico destro, marcando sulla mappa i punti di stimolazione efficace.

 

Ultimi articoli

Neuromodulazione nella sincope vasovagale: risultati clinici e prospettive future

In occasione del Congresso PLACE (Roma, 13-15 giugno 2024) abbiamo intervistato Leonardo Calò sull’utilizzo della neuromodulazione nella sincope vasovagale: quali sono i pazienti che ne possono beneficiare, quali sono i risultati nel medio e nel lungo termine e dove si collocherà nel prossimo futuro la neuromodulazione nella gestione del paziente con sincope vasovagale.

Leggi

Vuoi essere il nuovo Ambasciatore Italiano per l’EHRA Young Electrophysiology?

Se hai meno di 40 anni, sei membro EHRA e hai una buona conoscenza della lingua inglese invia il tuo curriculum vitae a segreteria@aiac.it entro il 15 luglio 2024.

Leggi

Elezioni dei nuovi Consigli Direttivi Regionali

Il mandato dei Consigli Direttivi Regionali e Interregionali 2022-2024 volge al termine. Le elezioni per il loro rinnovo…

Leggi