Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

Flutter incisionale con pregresso ictus ischemico

Ospedale Molinette, Torino

Il paziente è un uomo di 78 anni con angioaptia amiloide cerebrale ad elevato rischio emorragico e pregresso ictus ischemico. Effettuata plastica mitralica nel 2013 per insufficienza severa e persistenza di flutter atriale con necessità di terapia anticoagulante. Viene sottoposto ad ablazione per poter sospendere la terapia anticoagulante considerato il rischio di emorragia intracranica.

Con una mappa di attivazione a bassa densità, si evidenzia un’attivazione peri-tricuspidalica in senso antiorario compatibile con flutter istmo-dipendente tipico comune. Viene quindi ablato l’istmo ma l’aritmia persiste.

Si effettua nuova mappa di attivazione con sistema Rhythmia che mostra la presenza di un circuito peri-incisionale in parete laterale dell’atrio destro. Durante il mappaggio ad alta densità l’aritmia degenera in fibrillazione atriale. Si conferma la cicatrice in parete laterale e vengono ablati potenziali frammentati e organizzati sotto di essa con ripristino del ritmo sinusale.

Video a cura dei medici Ospedale Molinette – AOU Città della Salute e della Scienza di Torino

Ultimi articoli

Sincope vasovagale: il webinar

L'Area Radioablazione e Neuromodulazione di AIAC presenta il webinar "Sincope vasovagale" che si terrà online il 6 giugno 2024 dalle ore 16.00 alle ore 17.30. Scarica il programma con il link per il collegamento.

Leggi

Ricordo del prof. Giuseppe Oreto

Il ricordo del prof. Giuseppe Oreto a firma di Gaetano Satullo che ne ripercorre la cultura, la poliedricità e la genialità attraverso il racconto di una storia lunga 40 anni.

Leggi

I Convegno Nazionale AIAC Giovani – L’integrazione delle conoscenze di aritmologia clinica ed interventistica nel trattamento del paziente comorbido

Il 24 e 25 maggio 2024 si terrà a Napoli, presso l’Hotel NH Napoli Panorama il primo Convegno Nazionale AIAC Giovani, dal titolo “L’integrazione delle conoscenze di aritmologia clinica ed interventistica nel trattamento del paziente comorbido”.

Leggi