Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

LUMIPOINT: Easier and Faster

Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana Cisanello

In questo caso di REDO di FA, il LUMIPOINT è stato decisivo per indirizzare la terapia solo dove necessario.
Anche il workflow utilizzato è stato fondamentale: poiché il paziente è entrato in sala operatoria in FA, si è deciso di effettuare la cardioversione elettrica prima di effettuare la mappa elettroanatomica. A posteriori, questo ha consentito di effettuare solo lo stretto necessario per isolare nuovamente le vene.
Se fosse stata fatta la mappa di substrato durante FA infatti, molto probabilmente sarebbe stato necessario effettuare nuovamente l’encircling di tutto il gruppo delle vene di destra.
Analizzando la mappa di voltaggio in ritmo sinusale infatti, il gruppo delle vene di destra è indubbiamente riconnesso, ma non si capisce in alcun modo se e quanti gap ci siano.
Ultilizzando i due tool del LUMIPOINT dei doppi potenziali e dei potenziali complessi, con due click del mouse è stato individuato l’unico gap che riconnetteva tutto il gruppo delle vene di destra, nella porzione postero-inferiore della vena inferiore di destra.
Con poche erogazioni in questa porzione di tessuto, è stato ottenuto il risultato voluto.

Video a cura dei medici dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana Cisanello

Ultimi articoli

RI-AIAC: obiettivi, novità e implicazioni cliniche dei risultati dello studio

Pubblicati sul Journal of Personalized Medicine i risultati del RI-AIAC, registro multicentrico, prospettico osservazionale sulle infezioni dei CIED. Abbiamo chiesto al Professor Giuseppe Boriani, direttore di AIAC Ricerca, qual è l'importanza di questo registro promosso dall'AIAC e quali sono le implicazioni cliniche dei suoi risultati.

Leggi

Defibrillatore indossabile: evidenze, esperienze e nuove potenzialità d’uso

Terapia ormai consolidata negli Stati Uniti e in molti paesi Europei, il defibrillatore indossabile (WCD)…

Leggi

Rischio di morte non improvvisa nei pazienti portatori di ICD: sottoanalisi del registro OBSERVO-ICD

Pubblicati i risultati di un'analisi che ha valutato l’accuratezza e l’utilità dello score MAGGIC (Meta-Analysis Global Group in Chronic Heart Failure) nei pazienti con scompenso cardiaco e ridotta frazione di eiezione sottoposti ad impianto di ICD.

Leggi