Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

LUMIPOINT: Easier and Faster

Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana Cisanello

In questo caso di REDO di FA, il LUMIPOINT è stato decisivo per indirizzare la terapia solo dove necessario.
Anche il workflow utilizzato è stato fondamentale: poiché il paziente è entrato in sala operatoria in FA, si è deciso di effettuare la cardioversione elettrica prima di effettuare la mappa elettroanatomica. A posteriori, questo ha consentito di effettuare solo lo stretto necessario per isolare nuovamente le vene.
Se fosse stata fatta la mappa di substrato durante FA infatti, molto probabilmente sarebbe stato necessario effettuare nuovamente l’encircling di tutto il gruppo delle vene di destra.
Analizzando la mappa di voltaggio in ritmo sinusale infatti, il gruppo delle vene di destra è indubbiamente riconnesso, ma non si capisce in alcun modo se e quanti gap ci siano.
Ultilizzando i due tool del LUMIPOINT dei doppi potenziali e dei potenziali complessi, con due click del mouse è stato individuato l’unico gap che riconnetteva tutto il gruppo delle vene di destra, nella porzione postero-inferiore della vena inferiore di destra.
Con poche erogazioni in questa porzione di tessuto, è stato ottenuto il risultato voluto.

Video a cura dei medici dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana Cisanello

Ultimi articoli

Nuovo appuntamento con l’Angolo dell’Editoria

Giovedì 30 giugno 2022 alle ore 18.00 è previsto un nuovo appuntamento con l’Angolo dell’Editoria: ad essere presentato, il libro “Il blocco percutaneo del ganglio stellato a scopo antiaritmico. Una guida pratica” a cura di Simone Savastano.

Leggi

Verso AIAC 2022

Le novità del prossimo Congresso Nazionale dell’Associazione Il 18° Congresso Nazionale AIAC…

Leggi

Lesioni cerebrali rilevate dalla RMN e funzione cognitiva dopo ablazione di fibrillazione atriale: lo studio AXAFA-AFNET 5

Pubblicati su Circulation i risultati di un’analisi dello studio AXAFA-AFNET 5 che ha valutato la prevalenza di lesioni cerebrali ischemiche rilevate mediante RMN dopo una procedura di ablazione di fibrillazione atriale parossistica eseguita senza interrompere l’anticoagulante orale.

Leggi