Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

L’utilizzo del Lumipoint e del Direct Sense nelle tachicardie ventricolari

Ospedale San Filippo Neri, Roma

Il paziente è un uomo di 80 anni anni, diabete, insufficienza renale, iperteso, pregresso infarto infero laterale nel 2014, con stent su circonflessa, neuropatia degli arti inferiori.

Fe 50% con progressiva riduzione durante tachicardia arrivata a 32%; all’ecocardiogramma acinesia parete postero laterale medio basale con segni di scare.

La tachicardia si presenta incessante con un ciclo di 582 ms, QRS largo con BBD e con emiblocco posteriore sinistro tollerata emodinamicamente dal paziente.

L’approccio utilizzato per mappare la tachicardia è stato sia transettale che retroaortico utilizzando come catetere mappante ad ultra alta densità l’Orion, che grazie agli elettrodi stampati ha permesso di individuare potenziali con voltaggio bassi.

Inoltre, il software LUMIPOINT ha permesso un’immediata identificazione dell’istmo della tachicardia dove si registravano potenziali frammentati; è stato poi effettuato l’Entrainement per validare il sito del circuito dell’aritmia.

L’ablazione è stata guidata dal catetere ablatore Intellanav MiFi OI e dal Direct Sense, con parametri di 50w e 23°, ottenendo l’interruzione con ottimi drop di impedenza, dopo pochi secondi di RF dell’aritmia.

È stata inoltre omogenizzata l’area dell’istmo della tachicardia, dove vi erano anche potenziali tardivi in ritmo sinusale, sempre guidata dal DS.

Per concludere è stata eseguita una stimolazione programmata ventricolare con quattro extrastimoli senza induzione dell’aritmia.

Video realizzato dai medici dall’Ospedale San Filippo Neri di Roma

Ultimi articoli

Impianto di pacemaker: tra rischi di complicanze e buone pratiche

L'impianto di un pacemaker può essere considerato un intervento rischioso? Qual è la reale incidenza di complicanze e quali sono gli accorgimenti che, se utilizzati, permettono di ridurne il rischio? Mauro Biffi risponde a queste domande nell'intervista realizzata durante l'ultimo Congresso AIAC e offre 3 consigli per i giovani aritmologi che stanno cominciando a impiantare pacemaker.

Leggi

I giovani italiani premiati all’EHRA Young EP ECG Contest

Tra le 10 nazioni che hanno partecipato alla finale del Contest, l’Italia, rappresentata da Giovanni Coluccia (Azienda Ospedaliera “Card. G. Panico”, Tricase), Lorenzo Mazzocchetti (Clinica Pierangeli di Pescara) e Andrea Giuseppe Porto (Azienda Ospedaliera Cannizzaro di Catania) si è piazzata al secondo posto dopo l’Austria.

Leggi

AIAC saluta il dottor Ezio Soldati

AIAC piange la morte di Ezio Soldati, spentosi il 9 aprile 2024 all’età di 67 anni. Alla famiglia e ai colleghi della Cardiologia 2 dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana giungano i più vivi sentimenti di cordoglio da parte del Direttivo nazionale AIAC.

Leggi