Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

Tachicardia da rientro atrioventricolare: come ridurre l’utilizzo della fluoroscopia

Fondazione Poliambulanza, Brescia

Presentiamo il caso di un paziente di 20 anni sintomatico per episodi di cardiopalmo ritmico accelerato. All’ ECG basale è presente una pre-eccitazione ventricolare. L’analisi dell’onda delta nelle varie derivazioni orienta per una sede laterale sinistra. Il paziente è uno sportivo agonista per cui si è proceduto direttamente all’esecuzione di studio elettrofisiologico ed ablazione transcatetere per il trattamento di una tachicardia da rientro atrioventricolare.

Per approcciare una procedura low fluoro è stato necessario dapprima costruire una mappa anatomica dell’atrio destro con un catetere navigabile magneticamente (per questo caso è stato utilizzato il catetere 4mm non irrigato). Il catetere viene visualizzato a partire dall’accesso femorale e viene seguito tutto il percorso fino all’atrio destro. A questo punto, avendo come riferimento la vena cava inferiore, si cerca un ulteriore riferimento (la vena cava superiore) prima di proseguire con la costruzione anatomica dell’atrio destro. Una volta ricostruita l’anatomia è stato possibile inserire il catetere diagnostico in seno coronarico (catetere decapolare), senza utilizzare radiografia e, allo stesso modo, è stato posizionato il catetere sul fascio di His (catetere ottopolare).

Posizionati i cateteri, è stato condotto lo studio elettrofisiologico per accertare la sede della via accessoria. Confermata la posizione laterale – sinistra, non essendoci un PFO aperto si è proseguito con la puntura transettale utilizzando fluoroscopia.

È stato quindi eseguito il mappaggio dell’anello mitralico facendo pacing dal seno coronarico per incrementare il grado di pre-eccitazione. Individuato il punto di più precoce attivazione, coincidente con il sito di registrazione del potenziale di Kent, è stata eseguita l’ablazione in controllo di temperatura fino alla scomparsa dell’onda delta. Al termine dell’erogazione si è atteso un periodo di osservazione di 15 minuti prima di proseguire con i protocolli di stimolazione che hanno confermato il buon esito dell’ablazione.

Video a cura di Domenico Pecora e Carmelo La Greca della Fondazione Poliambulanza di Brescia.

Ultimi articoli

Blocco percutaneo del ganglio stellato per il trattamento dello storm aritmico: lo studio STAR

Lo storm aritmico è un'emergenza clinica con scarse opzioni terapeutiche. Lo studio STAR (STellate ganglion block for Arrhythmic stoRm), è un importante studio multicentrico italiano, i cui risultati sono stati recentemente pubblicati sull’European Journal of Cardiology, sulla sicurezza e l’efficacia del blocco percutaneo del ganglio stellato nel trattamento dello storm aritmico.

Leggi

Apixaban per la prevenzione dello stroke nella fibrillazione atriale subclinica: lo studio ARTESIA

Recentemente pubblicati sul NEJM i risultati dello studio ARTESIA, trial clinico sul beneficio della terapia anticoagulante orale nei pazienti con fibrillazione atriale subclinica di breve durata e asintomatica per la prevenzione dello stroke.

Leggi

Ablazione della fibrillazione atriale parossistica: elettroporazione, radiofrequenza e crioenergia a confronto

L’elettroporazione (PFA) per la cura delle aritmie è recentemente emersa come nuova tecnica ablativa in grado di colpire selettivamente il tessuto cardiaco senza utilizzare una energia “termica”. Nell'articolo recentemente pubblicato di Della Rocca et al. è stata studiata una popolazione real-world di pazienti con fibrillazione atriale ed eseguita una analisi “propensity-score-matched” confrontando PFA, radiofrequenza e crioenergia.

Leggi