Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

Crioablazione della fibrillazione atriale: tecnologie a confronto

crioablazione della fibrillazione atriale

La crioablazione della fibrillazione atriale con POLARx ha un profilo di efficacia e sicurezza simile a quella di Arctic Front Advance PRO (AFAP), in base a una ricerca pubblicata sul Journal of Cardiovascular Electrophysiology.

L’endpoint primario era rappresentato dal successo in acuto, definito come il successo ottenuto nell’isolare elettricamente tutte e quattro le vene durante la procedura. Tra gli endpoint secondari c’erano il tasso di complicanze, la durata della procedura, il tempo di fluoroscopia, il tempo di ablazione, il tempo all’isolamento,

Si tratta di uno studio di coorte in singolo centro che ha arruolato i pazienti consecutivi sottoposti a crioablazione della fibrillazione atriale con POLARx.

I pazienti POLARx (20) sono statoi confrontati con quelli di una coorte storica sottoposti a crioablazione con AFAP (70). In tutti i casi si trattava del primo caso di isolamento della vena. polmonare.

L’endpoint primario è stato raggiunto nel 100% dei pazienti, mentre le complicanze si sono verificate soltanto nei pazienti AFAP (4 vs. 0). Inoltre POLARx in questa coorte è stato associato con una procedura più lunga (90 min vs. 60 min, p<0,001), una temperatura  raggiunta più bassa(-57° C vs. -47.5° C, p<0,001),  una temperatura TTI più bassa (-44° C vs. -32° C, p<0,001), ma un TTI simile (44.8 s vs. 39 s, p<0,001).

In sintesi POLARx ha un’efficacia sovrapponibile con AFAP, ed è stato associato con tempi procedurali più lunghi, TTI simile e temperature più basse.

Bibliografia

Kochi AN, Moltrasio M, Tundo F, et al. Cryoballoon atrial fibrillation ablation: Single-center safety and efficacy data using a novel cryoballoon technology compared to a historical balloon platform. J Cardiovasc Electrophysiol 2021;32(3):588-594.

Ultimi articoli

Neuromodulazione nella sincope vasovagale: risultati clinici e prospettive future

In occasione del Congresso PLACE (Roma, 13-15 giugno 2024) abbiamo intervistato Leonardo Calò sull’utilizzo della neuromodulazione nella sincope vasovagale: quali sono i pazienti che ne possono beneficiare, quali sono i risultati nel medio e nel lungo termine e dove si collocherà nel prossimo futuro la neuromodulazione nella gestione del paziente con sincope vasovagale.

Leggi

Vuoi essere il nuovo Ambasciatore Italiano per l’EHRA Young Electrophysiology?

Se hai meno di 40 anni, sei membro EHRA e hai una buona conoscenza della lingua inglese invia il tuo curriculum vitae a segreteria@aiac.it entro il 15 luglio 2024.

Leggi

Elezioni dei nuovi Consigli Direttivi Regionali

Il mandato dei Consigli Direttivi Regionali e Interregionali 2022-2024 volge al termine. Le elezioni per il loro rinnovo…

Leggi