Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

Crioablazione della fibrillazione atriale: tecnologie a confronto

crioablazione della fibrillazione atriale

La crioablazione della fibrillazione atriale con POLARx ha un profilo di efficacia e sicurezza simile a quella di Arctic Front Advance PRO (AFAP), in base a una ricerca pubblicata sul Journal of Cardiovascular Electrophysiology.

L’endpoint primario era rappresentato dal successo in acuto, definito come il successo ottenuto nell’isolare elettricamente tutte e quattro le vene durante la procedura. Tra gli endpoint secondari c’erano il tasso di complicanze, la durata della procedura, il tempo di fluoroscopia, il tempo di ablazione, il tempo all’isolamento,

Si tratta di uno studio di coorte in singolo centro che ha arruolato i pazienti consecutivi sottoposti a crioablazione della fibrillazione atriale con POLARx.

I pazienti POLARx (20) sono statoi confrontati con quelli di una coorte storica sottoposti a crioablazione con AFAP (70). In tutti i casi si trattava del primo caso di isolamento della vena. polmonare.

L’endpoint primario è stato raggiunto nel 100% dei pazienti, mentre le complicanze si sono verificate soltanto nei pazienti AFAP (4 vs. 0). Inoltre POLARx in questa coorte è stato associato con una procedura più lunga (90 min vs. 60 min, p<0,001), una temperatura  raggiunta più bassa(-57° C vs. -47.5° C, p<0,001),  una temperatura TTI più bassa (-44° C vs. -32° C, p<0,001), ma un TTI simile (44.8 s vs. 39 s, p<0,001).

In sintesi POLARx ha un’efficacia sovrapponibile con AFAP, ed è stato associato con tempi procedurali più lunghi, TTI simile e temperature più basse.

Bibliografia

Kochi AN, Moltrasio M, Tundo F, et al. Cryoballoon atrial fibrillation ablation: Single-center safety and efficacy data using a novel cryoballoon technology compared to a historical balloon platform. J Cardiovasc Electrophysiol 2021;32(3):588-594.

Ultimi articoli

Blocco percutaneo del ganglio stellato per il trattamento dello storm aritmico: lo studio STAR

Lo storm aritmico è un'emergenza clinica con scarse opzioni terapeutiche. Lo studio STAR (STellate ganglion block for Arrhythmic stoRm), è un importante studio multicentrico italiano, i cui risultati sono stati recentemente pubblicati sull’European Journal of Cardiology, sulla sicurezza e l’efficacia del blocco percutaneo del ganglio stellato nel trattamento dello storm aritmico.

Leggi

Apixaban per la prevenzione dello stroke nella fibrillazione atriale subclinica: lo studio ARTESIA

Recentemente pubblicati sul NEJM i risultati dello studio ARTESIA, trial clinico sul beneficio della terapia anticoagulante orale nei pazienti con fibrillazione atriale subclinica di breve durata e asintomatica per la prevenzione dello stroke.

Leggi

Ablazione della fibrillazione atriale parossistica: elettroporazione, radiofrequenza e crioenergia a confronto

L’elettroporazione (PFA) per la cura delle aritmie è recentemente emersa come nuova tecnica ablativa in grado di colpire selettivamente il tessuto cardiaco senza utilizzare una energia “termica”. Nell'articolo recentemente pubblicato di Della Rocca et al. è stata studiata una popolazione real-world di pazienti con fibrillazione atriale ed eseguita una analisi “propensity-score-matched” confrontando PFA, radiofrequenza e crioenergia.

Leggi