Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

Corso teorico pratico di elettrofisiologia

Lo scopo del Corso (30 Aprile – 30 Ottobre), organizzato e proposto dalla Clinica Cardiologica dell’Università di Padova, è rivedere le basi elettrofisiologiche ed anatomiche delle aritmie cardiache e fornire aggiornamenti sulle più recenti novità nella diagnosi e nel trattamento.
Il programma scientifico si articolerà su 3 argomenti principali: le aritmie cardiache, i dispositivi di stimolazione cardiaca e la resincronizzazione cardiaca. Questi temi saranno sviluppati nel corso di 14 lezioni della durata di circa un’ora.
Le lezioni, erogate in modalità virtuale (diretta streaming), saranno tenute da relatori di livello internazionale, e sarà concesso ampio spazio alla discussione, incentivando il coinvolgimento attivo dei partecipanti che potranno intervenire sia via chat che in modalità audio-video.

In questa pagina trovate la descrizione delle varie sessioni del corso e il link per l’iscrizione e qui potete scaricare la locandina col programma.

 

COMITATO SCIENTIFICO:

Dr. Emanuele Bertaglia – Responsabile Scientifico

Dr. Franco Folino – Moderatore

Prof. Sabino Iliceto – Presidente del Corso

Dr.ssa Loira Leoni – Responsabile Scientifico

Prof. Federico Migliore – Responsabile Scientifico

Ultimi articoli

Nuovo appuntamento con l’Angolo dell’Editoria

Giovedì 30 giugno 2022 alle ore 18.00 è previsto un nuovo appuntamento con l’Angolo dell’Editoria: ad essere presentato, il libro “Il blocco percutaneo del ganglio stellato a scopo antiaritmico. Una guida pratica” a cura di Simone Savastano.

Leggi

Verso AIAC 2022

Le novità del prossimo Congresso Nazionale dell’Associazione Il 18° Congresso Nazionale AIAC…

Leggi

Lesioni cerebrali rilevate dalla RMN e funzione cognitiva dopo ablazione di fibrillazione atriale: lo studio AXAFA-AFNET 5

Pubblicati su Circulation i risultati di un’analisi dello studio AXAFA-AFNET 5 che ha valutato la prevalenza di lesioni cerebrali ischemiche rilevate mediante RMN dopo una procedura di ablazione di fibrillazione atriale parossistica eseguita senza interrompere l’anticoagulante orale.

Leggi