Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

Il substrato di una tachicardia ventricolare durante ritmo sinusale

Tachicardia ventricolare substrato

La zona critica della tachicardia ventricolare corrisponde a una posizione caratterizzata da forte gradiente di attivazione e bassi voltaggi durante il ritmo sinusale. Di conseguenza, è possibile identificare di un’àncora di rientro con elevata sensibilità e specificità. Sono stati pubblicati sul Journal of the American College of Cardiology i risultati di uno studio che ha cercato di definire, attraverso l’utilizzo di un sistema di mappaggio ad alta intensità su modelli animali, il substrato anatomico di una tachicardia ventricolare durante ritmo sinusale (1).

Sono stati studiati 16 suini con infarto guarito in modalità closed-chest. Il ventricolo sinistro è stato mappato con sistema Rhythmia durante ritmo sinusale, andando a valutare attivazione, velocità di conduzione, forma dell’elettrogramma e ampiezza del voltaggio. L’analisi di 24 tachicardie ventricolari ha permesso di identificare l’istmo delle aritmie, inclusa la cosiddetta “zona critica”, definita come la zona di massimo rallentamento del fronte d’onda di propagazione.

L’istmo delle tachicardie ventricolari è risultato localizzato nei siti caratterizzati da forte gradiente di attivazione durante ritmo sinusale, con un rallentamento del fronte d’onda di propagazione del 58,4 ± 22,4% (valore predittivo positivo : 60%). La zona critica è invece risultata associata a forte gradiente di attivazione con un rallentamento del fronte d’onda di propagazione del 68,6 ± 18,2% (valore predittivo positivo : 70%). Questa è inoltre risultata localizzata in genere in aree con voltaggio bipolare ≤ 0,55 mV, mentre gli istmi in aree con ampiezza di voltaggio variabile (1,05 ± 0,80 mV). Le zone critiche fungevano inoltre da àncore per molteplici configurazioni e lunghezze di ciclo delle tachicardie ventricolari. In generale, il rallentamento del fronte d’onda di propagazione è risultato essere un parametro più predittivo, sensibile e specifico  dei classici criteri basati sul voltaggio o sulla presenza di potenziali tardivi.

Bibliografia

1. Anter E, Kleber AG, Rottmann M, et al. Infarct-Related Ventricular Tachycardia. Redefining the Electrophysiological Substrate of the Isthmus During Sinus Rhythm. JACC 2018: 1033 – 48.

Ultimi articoli

Impianto di pacemaker: tra rischi di complicanze e buone pratiche

L'impianto di un pacemaker può essere considerato un intervento rischioso? Qual è la reale incidenza di complicanze e quali sono gli accorgimenti che, se utilizzati, permettono di ridurne il rischio? Mauro Biffi risponde a queste domande nell'intervista realizzata durante l'ultimo Congresso AIAC e offre 3 consigli per i giovani aritmologi che stanno cominciando a impiantare pacemaker.

Leggi

I giovani italiani premiati all’EHRA Young EP ECG Contest

Tra le 10 nazioni che hanno partecipato alla finale del Contest, l’Italia, rappresentata da Giovanni Coluccia (Azienda Ospedaliera “Card. G. Panico”, Tricase), Lorenzo Mazzocchetti (Clinica Pierangeli di Pescara) e Andrea Giuseppe Porto (Azienda Ospedaliera Cannizzaro di Catania) si è piazzata al secondo posto dopo l’Austria.

Leggi

AIAC saluta il dottor Ezio Soldati

AIAC piange la morte di Ezio Soldati, spentosi il 9 aprile 2024 all’età di 67 anni. Alla famiglia e ai colleghi della Cardiologia 2 dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana giungano i più vivi sentimenti di cordoglio da parte del Direttivo nazionale AIAC.

Leggi